La Nuova Sardegna

Edizione XI

Da Cuba al Marocco, da Gassman a Deledda: a Olbia è tempo delle Storie di un attimo

Paolo Ardovino
Da Cuba al Marocco, da Gassman a Deledda: a Olbia è tempo delle Storie di un attimo

Dal 12 novembre al 2 dicembre il centro storico sarà teatro del festival della fotografia

31 ottobre 2022
3 MINUTI DI LETTURA





Un attimo, un click, mille racconti nascosti all'interno. "Storie di un attimo" è la rassegna che prova a esporne il più possibile, giunta alla sua undicesima edizione. Il festival dedicato alla fotografia è quasi pronto, le mostre sono in allestimento e apriranno al pubblico dal 12 novembre al 2 dicembre. Quasi venti esposizioni ospitate lungo il centro storico di Olbia, per lo più al museo archeologico, accompagnate da eventi collaterali come proiezioni, dimostrazioni e presentazioni. «Come da tradizione il festival unisce autori molto famosi del panorama nazionale e internazionale e fotografi meno noti a volte alla prima esperienza espositiva — dicono dall'associazione Politecnico Argonauti, organizzatrice della rassegna —. Il programma degli eventi collaterali e l’apertura nei fine settimana del "Pop Up Camerà café" presso il Politecnico Argonauti, in via Romana 50, vogliono animare l’evento e avvicinare più persone alla fotografia».

Le mostre saranno visitabili tutti i giorni, escluso il lunedì negli orari di apertura del museo archeologico (la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19), mentre dalle 16:30 alle 19:30 quella allestita alla Società dello stucco in via Cavour 43. Il pop up camera cafè, dove si svolge il consueto mercato delle macchine fotografiche, rimarrà aperto dal venerdì sera alla domenica per tutta la durata dell’evento.

Queste tutte le nostre in programma: "Cuba" di Alessandro Borrini, reportage classico su l’Avana con tutto il suo fascino e le sue contraddizioni (al museo); "Tramudas" di Antonio Mannu, storie di migrazioni sarde. La mostra ha una fruizione particolare perché stampata in grandi formati e affissa al muro nella stazione Arst in Corso Umberto; "People" di Flavio Fara, viaggio fotografico per il mondo alla ricerca di volti e persone (museo); "Tramuda" di Francesco Pintore, giornalista, ha fotografato uno dei momenti più importanti della pastorizia, la transumanza (museo); artisti vari, "Gassman 100", vari fotografi di scena italiano restituiscono l’immagine del grandissimo attore, attraverso le immagini emblematiche della sua inimitabile carriera (museo); "Il ritorno di Grazia" di Giorgio Pomata, insolito reportage che racconta la cerimonia di traslazione della salma della Deledda a Nuoro nel 1959 (museo); "Medina express" di Giovanni Mereghetti, il grande fotografo milanese (che terrà anche un incontro) ci accompagna all’interno dei luoghi di culto musulmani, con immagini di incredibile impatto emotivo (museo); "Il mezzo del cammin di nostra vita" di Ignazio Figus, reportage sulla demolizione delle auto di notevole impatto visivo (museo); "Marocco" di Maria Giovanna Ghisu, reportage nell'affascinante paese africano (museo); "Artisti" di Mario Dondero, una carrellata dei grandi artisti del 900 ritratti da un genio della fotografia contemporanea (museo); "Pasolini 150", artisti vari, il grande regista è ritratto da vari fotografi di scena sui set di alcuni dei film più rappresentativi (Società dello stucco via cavour 43); "Non è l'America" di Stefano Pia, reportage sulla Sardegna autentica (museo); "The last Harbour" di Ugo Panella, la demolizione delle navi in Bangladesh è restituita da Panella con il suo solito stile asciutto ed efficace (museo); "Altre vite sulla mia strada" di Virgilio Piras, per lunghi anni fotografo dell’istituto etnografico di Nuoro, presenta un reportage di rara originalità in giro per la Sardegna (museo).

L’evento è sostenuto da Fondazione di Sardegna, Comune di Olbia, assessorato alla cultura, 12.1, Punto Foto Group, Arst, Librerie Ubik, Centro cinema città di Cesena, Giacomo Altamira studio.
 

In Primo Piano

Video

Olbia, la città saluta Gabriele Pattitoni: in migliaia al funerale del 17enne morto dopo un incidente

L’emergenza

Ortopedie chiuse: tutti i pazienti si riversano nei pronto soccorso di Sassari e Cagliari

di Luigi Soriga
Le nostre iniziative