La Nuova Sardegna

Il calendario del 2024

Dalla Nutella alla pizza, dal gatto ai passeri e al gabinetto: ogni giorno c’è qualcosa da festeggiare

di Silvia Sanna
Dalla Nutella alla pizza, dal gatto ai passeri e al gabinetto: ogni giorno c’è qualcosa da festeggiare

Oltre 200 Giornate mondiali tra temi seri, curiosità e stravaganze

03 gennaio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Sassari Una giornata mondiale per festeggiare la giornata mondiale: la data è il 12 ottobre ed è forse la ricorrenza più curiosa tra le centinaia messe nero su bianco nel calendario delle celebrazioni. Un elenco lunghissimo, circa 220 appuntamenti distribuiti nell’arco dei 12 mesi, tra ricorrenze serie e semiserie e moltissime di fronte alle quali non ci si può chiedere altro se non “perché?” Già perché è legittimo domandarsi che cosa porti a dedicare una giornata mondiale al gabinetto, alle rane, agli asteroidi, agli Ufo, allo squash o ai passeri.  E soprattutto, che cosa bisogna fare in questi giorni?

I numeri dicono che ogni giorno c’è sempre qualcosa da festeggiare o da ricordare. Anzi, in molti casi lo stesso giorno celebra due o tre giornate mondiali. E in questo sovraffollamento non resta che scegliere. Per esempio il 2 febbraio sarà la giornata mondiale delle vita ma anche delle zone umide, il 14 non solo San Valentino ma anche le cardiopatie congenite, tema decisamente meno allegro, il 3 marzo si celebrano orecchio e udito ma anche la fauna selvatica.

Cinquina il 21 marzo: si fa festa per le foreste e si ribadisce il no alla discriminazione razziale ma contemporaneamente si celebrano la pace interiore, la poesia e la sindrome di Down. Imbarazzo (in tutti i sensi) della scelta anche il 28 aprile: il calendario ricorda temi fondamentali come la sicurezza sul lavoro e le vittime dell’amianto ma anche l’importanza di salvaguardare le rane. Un mese dopo un’altra strana accoppiata: il 28 maggio è la giornata mondiale contro la sclerosi multipla ma anche l’hamburger day.

E a proposito di bontà in cucina, ecco la giornata mondiale della Nutella (5 febbraio), delle torte (17 maggio) e il carbonara day (il 6 aprile, insieme alla giornata dello sport, che aiuta a smaltire). In primo piano anche gli animali: il gatto (17 febbraio), l’orso polare (27 febbraio), il cane (26 agosto). Proprio il cane fa il bis il 26 giugno quando si festeggia “la giornata mondiale del cane in ufficio”, nella stessa data individuata dall’Onu per la giornata mondiale contro la tortura e l’abuso e traffico di stupefacenti.

Ritornando agli animali, nell’elenco non mancano i pinguini (25 aprile), i passeri (20 marzo) e persino il tapiro (27 aprile). Tra novembre e dicembre ricorrenze serissime come la giornata internazionale in ricordo delle vittime della strada (18 novembre), contro la violenza sulle donne (25 novembre), e la giornata mondiale contro l’Aids. Intermezzo con il gabinetto (19 novembre), che detta così  fa sorridere ma nasce per ricordare che una buona fetta della popolazione mondiale non ha la toilet.

Chiusura dell’anno tra giornata dedicata ai migranti, alla montagna e all’orgasmo, celebrato il 22 dicembre ma anche il 31 luglio. E domani, 4 gennaio? Doppia festa, per l’alfabeto braille e per l’ipnotismo. Prossimo appuntamento l’Epifania (il 6) e dopo le feste non allarmatevi se vi sentirete giù: il 15 gennaio sarà il Blue Monday, il giorno più triste dell’anno, che cade ogni terzo lunedì di gennaio. Meno male che due giorni dopo, il 17, sarà il Pizza day.

La rabbia degli agricoltori

Il movimento dei trattori blocca il porto di Cagliari: «Basta con le prese in giro»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative