La Nuova Sardegna

buongusto
Speciale torte

Con Marta Cabras le torte sanno di Sardegna

di Enrico Gaviano
Con Marta Cabras le torte sanno di Sardegna

L’avventura tra i dolci è cominciata nel 2013. Su You tube “Le ricette di Mami” hanno 145mila iscritti

15 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Una passione trasmessa dai nonni è diventata un travolgente successo sui social. Marta Cabras, 38 anni, di Cagliari, pasticcera per hobby, autodidatta, inserisce le sue ricette nel canale YouTube “Le ricette di Mami”. Un’avventura iniziata nel 2013 e che l’ha portata ad avere 145mila iscritti. «Ora ho attivi tutti gli altri social –  dice –  perché è importante poter interagire con le persone che sono interessate alle mie ricette».

Marta è specializzata in dolci, in particolare sardi, ispirati inizialmente dagli insegnamenti di nonna Iolanda e nonno Salvatore. «Erano i migliori cuochi del mondo per me, quando ero piccola. Da loro ho imparato tanto, ed è con loro che la passione per preparare i dolci è cresciuta sino a diventare un impegno anche se il mio lavoro è quello di educatrice in una scuola media dell’hinterland di Cagliari». Sono state le pardule, uno dei dolci sardi per eccellenza, a lanciarla su YouTube.

«Ho iniziato nel 2013 inserendo qualche ricetta, e avendo qualche timido riscontro. Le pardule, che ho preparato e inserito con un filmato un mese dopo l’apertura del canale, hanno avuto invece un autentico boom. Quasi mezzo milione di visualizzazioni. E lì ho capito che potevo continuare ad avere questo hobby». Le torte della tradizione sarda per lei, grazie alla sua passione di autodidatta, non hanno segreti. A cominciare dalla torta di mandorle sarde, la cosiddetta “Truta a mazz’e mendula”. «Un dolce perfetto - racconta Marta – leggero, senza lieviti, burro e farina, e anche senza olio. Ci vanno principalmente la fecola di patate e la farina di mandorle e va insaporita con le scorze di limone e l’acqua di fiorarancia. Poi viene ricoperta con la glassa e decorata con la ghiaccia reale».

Un torta che nella tradizione sarda veniva utilizzata per i matrimoni o per le cerimonie importanti. Altra torta è quella con la sapa (il mosto cotto) con la quale si preparano anche il pan’e saba e i pabassini. «La torta di sapa è quella che viene consumata secondo tradizione nel periodo di tutti i Santi - ricorda Marta Cabras -. Insieme al mosto cotto contribuiscono a caricarla di sapori e profumi la frutta secca come mandorle tostate e noci , le spezie, lo strutto, la cannella, le scorze di arancia e limone». Andando avanti ecco la “Pardulona xxl” , cioè una pardula grande come una torta. «Ho pensato alcuni anni fa di prepararla per Pasqua, visto che questo dolce è davvero il simbolo per eccellenza di quel periodo nell’isola. fra gli altri ingredienti la farina, la ricotta di pecora e lo zafferano per il ripieno, il cestino si prepara con strutto, semola e acqua».

Marta Cabras ha voluto anche inventare una ricetta originale, è nata così la torta “Sogno di Sardegna”. Manco a dirlo tutti gli ingredienti sono sardi. «Ho preparato questa torta alcuni anni fa per festeggiare il mio compleanno. Ci sono mandorle, ricotta di pecora, zafferano, scorze di arancia e limone, bacche di mirto e il liquore puro di mirto. È una torta morbidissima. Sono stata entusiasta del risultato finale, ha un gusto molto particolare e nessun ingrediente prevale sugli altri. Davvero una torta speciale». La pasticcera blogger ha un sogno nel cassetto. «Sono incinta e fra due mesi partorirò una bambina. Sono felice ed emozionata per questo evento che aspetto con ansia con il mio compagno. Spero di trasmettere alla mia piccola la passione per i dolci, sarebbe bello insomma che diventasse anche lei una pasticcera come la mamma». 

Tutte le ricette sono visibili nei link di Le ricette di Mami. YouTube: Le ricette di Mami. Blog sul web: lericettedimami.it . Instagram: le_ricette_di_mami . Pinterest: camartamc . Facebook: LeDolciRicetteDiMami .

In Primo Piano
L’intervista

L’assessore regionale Franco Cuccureddu: «Possiamo vivere di turismo e senza abbassare i prezzi, inutile puntare solo su presenze e grossi numeri»

di Luigi Soriga
Le nostre iniziative