La Nuova Sardegna

Televisione

Tra le rovine di Tharros la storia dei Fenici: su Rai Storia il 12 aprile

Tra le rovine di Tharros la storia dei Fenici: su Rai Storia il 12 aprile

Il documentario “Cronache di terra e di mare” alle 21.10

01 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Quasi senza nome, ma creatori dell`alfabeto. I Fenici, letteralmente "quelli della tinta" - chiamati così dai Greci in senso dispregiativo per la porpora, da loro scoperta e commercializzata - nel 1000 a.C. hanno inventato l`alfabeto a cui i Greci stessi si sono ispirati. Ma i Fenici sono molto di più. Astuti, abili commercianti e soprattutto instancabili esploratori. Proprio la loro storia e di altri grandi navigatori del tempo viene raccontata, tra le rovine dell`area archeologica di Tharros in Sardegna, nell`episodio di "Cronache di Terra e di Mare" di Cristoforo Gorno in onda venerdì 12 aprile alle 21.10 su Rai Storia. I Fenici vivono nel territorio che oggi corrisponde alla Libia e a una parte di Israele e Siria. Le città principali sono Biblos, Sidone e Tiro, ciascuna governata da un sovrano, ma non è chiaro se fossero una federazione oppure delle semplici città stato indipendenti. Di certo la loro espansione territoriale non si è fermata lì. Viaggiano per il Mediterraneo, fondano Palermo, Cadice, Lisso, ma soprattutto Cartagine, l`attuale Tunisi. I Cartaginesi hanno un approccio diverso dai primi Fenici, puntano non solo a espandere la loro rete commerciale, ma anche a diventare i padroni del Mediterraneo. Il loro dominio si concretizza presto, ma conosce il declino altrettanto velocemente: nel 238 a.C., dopo la prima guerra punica, i Romani sottraggono ai Cartaginesi la Corsica e la Sardegna. Comincia così la discesa. Testimone di questi passaggi di popolazioni è il sito archeologico di Tharros in Sardegna dove, nel corso della puntata, Cristoforo Gorno mostra le fasi evolutive di quella zona prima centro dei Fenici, poi dei Cartaginesi e infine dei Romani. Di Fenici e Cartaginesi, però, oltre alle rovine sono rimasti viaggi e scoperte. E’ al fenicio Annone che si deve una descrizione dettagliata dell`Africa fino al Senegal ed è sempre a un gruppo di fenici che si deve la prima circumnavigazione completa dell`Africa. Più incerta, invece, è la loro presenza nei Caraibi e nell`America Centrale a partire dal terzo secolo. Gli ananas raffigurati su alcuni mosaici dell`epoca e le monete fenice ritrovate in America nel 1700 sembrano confermare, però, che, consapevolmente o meno, i Fenici abbiano toccato davvero quelle coste prima di tutti.

In Primo Piano
La polemica

Pro vita e aborto, nell’isola è allarme per le nuove norme

di Andrea Sin
Le nostre iniziative