La Nuova Sardegna

Spettacolo

La danza di Roberto Bolle a Tharros sulle note composte da Gavino Murgia

di Paolo Camedda
La danza di Roberto Bolle a Tharros sulle note composte da  Gavino Murgia

I 50 anni dalla scoperta dei giganti di Mont’e Prama

10 luglio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Oggi sono previste le prove generali. A Tharros è ormai tutto pronto per ospitare l'atteso spettacolo di danza internazionale "Roberto Bolle and friends", che domani sera porterà nel suggestivo scenario dell'anfiteatro allestito nell'antica città punica e romana, a pochi metri dal mare, una delle star assolute del balletto mondiale.

L'evento rientra fra gli appuntamenti più suggestivi dell'estate di Mont'e Prama, una serie di manifestazioni promosse dalla Fondazione Mont'e Prama, con il sostegno del centro di programmazione della Regione Sardegna e il supporto organizzativo dell’associazione Enti Locali per le attività culturali e di spettacolo, in occasione dei festeggiamenti per i 50 anni dalla scoperta dei Giganti.

"Roberto Bolle and Friends", prodotto da Artedanza srl, sarà l'occasione per ammirare dal vivo l’Étoile insieme a star internazionali della danza e a grandi musicisti con cui ha collaborato in giro per il mondo. Fra questi anche il sassofonista nuorese Gavino Murgia, che salirà con lui sul palco di Tharros e ha avuto un ruolo determinante come tramite tra l'organizzazione e l'artista. «Ho collaborato con Roberto a Parigi – racconta Murgia – in occasione della candidatura di Roma come capitale europea della cultura, e gli organizzatori l'hanno saputo e mi hanno contattato, scrivendomi che avrebbero avuto grande piacere a ospitare il suo spettacolo in Sardegna. Ne è nata una lunga trattativa, anche perché andava trovata la data giusta. Ma alla fine ci siamo riusciti e siamo molto contenti». Da Parigi a Tharros, Bolle e Murgia saranno ancora sul palco insieme: «Avrò il piacere e l'onore di eseguire due mie composizioni – annuncia il sassofonista –. Una è molto mistica e melodica, con sfumature di musica medioevale. L'ho chiamata "Stella di Tharros", volendola dedicare a questo luogo speciale. Ad un certo punto si trasformerà in una sorta di danza, con una seconda composizione più ritmica che metterà in evidenza il soul mediterraneo, e in particolare della Sardegna, attraverso il suono del sassofono, accompagnato dalle percussioni, e della mia voce gutturale. Sulle sue note Roberto si scatenerà. Quindi con i miei suoni, i miei colori, accompagnerò la sua danza». La serata di Tharros ha tutte le premesse per essere speciale: «Roberto è molto contento di venire ad esibirsi in Sardegna – ha sottolineato Murgia –. Non vediamo l'ora, e ringraziamo la Fondazione Mont'e Prama e il presidente Anthony Muroni per accoglierci in una location mozzafiato e unica. In questi giorni con Roberto non ci siamo sentiti ma sono sempre in stretto contatto con Max Volpini, il suo coreografo. Per me questa collaborazione prestigiosa, che spero continui nel tempo, è motivo di grande orgoglio». L'appuntamento, per i fortunati possessori dei biglietti, è domani sera con inizio alle 21.15. Lo spettacolo in primavera era andato sold out in poco più di un'ora.
 

In Primo Piano
Stati Uniti

Joe Biden annuncia il suo ritiro: non correrà per la Casa Bianca

Le nostre iniziative