La Nuova Sardegna

La Nuova @ Scuola
La Nuova @ Scuola

Pesca sì, ma ecosostenibile

di Giulia Bignetti*
Pesca sì, ma ecosostenibile

Made in Italy, per mantenere la qualità del cibo italiano è necessario tutelare l’ambiente, tramite politiche che limitino l’utilizzo di pesticidi tossici e sostengano la fertilità delle terre e l’ecosostenibilità dell’agricoltura

30 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Le acque dei mari italiani bagnano le coste che risplendono tra il tepore del sole e la brezza marina. L’insieme del sole, delle piogge e del vento, permettono lo sviluppo del settore agroalimentare, che negli ultimi anni ha raggiunto risultati estremamente positivi grazie anche alla tutela della biodiversità. Uno degli strumenti più impattanti che l’Italia possiede e che riesce a superare ogni confine è l’export del Made in Italy. Le nostre eccellenze alimentari hanno permesso l’incasso di 8,8 miliardi durante l’ultimo anno, grazie al primato DOP che 822 alimenti hanno ricevuto a livello globale. In termini di esportazione il settore vinicolo è il più ampio: l’export dei vini italiani produce 3,5 miliardi di euro l’anno.

Le eccellenze italiane comprendono anche il settore ittico, sviluppato nei territori toccati dal mare come la Sardegna: esempio ne è lo chef ed imprenditore sardo Ignazio Fancello che, dopo anni di ricerche, è riuscito ad esportare il tonno di Carloforte fino alla Svizzera, pescato con tecniche ecosostenibili. La Sardegna conta 153 differenti alimenti, riconosciuti a livello nazionale ed europeo: dai prodotti caseari ai liquori, senza dimenticare la fregula, i culurgiones e l’antica specialità del maialetto. Per mantenere la qualità del cibo italiano è necessario tutelare l’ambiente, tramite politiche che limitino l’utilizzo di pesticidi tossici e sostengano la fertilità delle terre e l’ecosostenibilità dell’agricoltura per uno sguardo al futuro sempre più verde e genuino.

* Giulia frequenta il Liceo Scientifico Michelangelo Pira a Siniscola


 

In Primo Piano
Viaggi da incubo

Napoli-Olbia cancellato, il racconto di un passeggero: «Abbandonati da easy Jet senza assistenza»

di Serena Lullia

Video

Salmo libera in mare l'aragosta proposta al ristorante: "Ci siamo guardati negli occhi, non ho potuto mangiarla"

Le nostre iniziative