La Riviera star della tv russa

Per la città ( in zona bianca) un enorme spot nel principale canale da oltre 250 milioni di telespettatori

ALGHERO. La Riviera del Corallo su Channel One, il canale televisivo più importante della Russia con oltre 250 milioni di telespettatori in tutto il mondo. Ieri mattina, durante un'edizione del telegiornale, è andato in onda un servizio sulla situazione Covid in Europa e, nello specifico, in Italia dove sono state utilizzate immagini girate nel centro storico algherese, piazze, bastioni e lungomare. Una vetrina promozionale incredibile anche perché associate alla notizia della prima zona bianca italiana con la giornalista che, in sintesi, ha detto che «In Italia per la prima volta, dall'inizio della pandemia, una regione è diventata zona bianca. In Sardegna hanno tolto le limitazioni...».

Un servizio che è durato oltre un minuto, ma che è bastato per regalare un mega spot ad Alghero e alla Sardegna in generale. Un po’ come accaduto in Grecia, dove, pochi giorni dopo la notizia di alcune isole Covid free, sono riprese le prenotazioni alberghiere in vista della prossima stagione estiva. Chissà che la stessa cosa non accada per la cittadina catalana. Il servizio giornalistico sulla tv russa deve essere colto come un'opportunità, così come ha sottolineato l'assessore comunale al turismo Marco Di Gangi: «Sicuramente una notizia che potrebbe aprire le porte ad un mercato turistico importante come quello russo. Il messaggio che la Sardegna è zona bianca, quindi anche Alghero, è positivo perché rassicura il visitatore. Ora dobbiamo collaborare tutti perché la nostra isola resti bianca e vada sempre di più a migliorare la propria situazione sul fronte Covid. La notizia, con immagini di Alghero, sono una grande pubblicità che deve essere accompagnata da tutta una serie di altre iniziative come quella che sostengo da tempo - ha proseguito Di Gangi - che è quella di rassicurare ancora di più gli ospiti, facendo vaccinare tutti gli operatori in ambito turistico. In pratica chi verrà in vacanza in Sardegna, deve sapere che troverà delle strutture ricettive Covid free perché chi ci lavora è vaccinato. Naturalmente ci deve essere anche un controllo efficiente sui visitatori che arrivano in aereo o nave. Deve passare il messaggio della vacanza in totale sicurezza. Allo stesso tempo la regione e i comuni devono investire più risorse nella promozione attraverso il web, la tv, la radio, i giornali, come anche le produzioni cinematografiche. È fondamentale».

Soddisfatto anche il presidente della Camera di Commercio per il nord Sardegna, Stefano Visconti, che parla di un servizio giornalistico che contribuirà a far tornare la fiducia nelle persone: «Il mercato è fortemente condizionato dalla fiducia e notizie come quella trasmessa ieri dalla principale televisione russa, favorisce, senza ombra di dubbio, il ritorno della fiducia nei visitatori. Uno spot grande che va usato bene. La cosa importante è che tutti noi non pensiamo sia finita, occorre comportarsi responsabilmente perché questa della zona bianca è una bellissima opportunità da non sciupare». Stefano Visconti, oltre che presidente della Camera di Commercio per il nord Sardegna, è un imprenditore nel campo della ricettività alberghiera e, nello specifico, ha evidenziato che «al momento c'è interesse, ma non richiesta. Per ora c'è solo il flusso garantito dal business, invece sulla stagione estiva c'è ancora la mancanza di fiducia per gli spostamenti, ma il mondo turistico è tenace - ha concluso Visconti - e spera di entrare in gioco da giugno in avanti». Il servizio giornalistico della principale televisione russa non è stato l'unico. Alghero, così come tutta la Sardegna, deve giocarsi bene questa carta, con la speranza che sia sostenuta da collegamenti aerei e navali adeguati e in sicurezza.



WsStaticBoxes WsStaticBoxes