La Nuova Sardegna

Cagliari

Un anno di interventi

Cagliari, il bilancio della polizia locale: nel 2022 aumentati gli incidenti mortali


	I vertici della polizia locale di Cagliari: da sx Nicola Ambrosini, Davide Ullasci, Guido Calzia, Elisabetta Spano
I vertici della polizia locale di Cagliari: da sx Nicola Ambrosini, Davide Ullasci, Guido Calzia, Elisabetta Spano

Ritirate 138 patenti, 2.438 auto trovate senza assicurazione. Assunti 30 nuovi agenti

20 gennaio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Cagliari «Un anno di attività della polizia locale di Cagliari che non può prescindere da un evento tragico che ha colpito profondamente tutta la comunità e di cui sta per ricorrere il triste anniversario: la morte del piccolo Daniel, 16 mesi, travolto e ucciso da un’auto in via Cadello mentre nel suo passeggino spinto dalla madre attraversava la strada sulle strisce pedonali»: nell’illustrare il consuntivo per il 2022 delle attività svolte dal Corpo, il comandante della Municipale, Guido Calzia, ha voluto iniziare con il ricordo di una tragedia che sulle strade cittadine non ha precedenti in fatto di drammaticità. Il numero dei sinistri è più o meno in linea con quelli dell’anno precedente, ma sono aumentati i decessi, passati a 8. Si corre troppo e c’è troppa distrazione nella guida. Imputato numero uno il telefonino, di cui si fa abbondante uso mentre si è al volante. Ma c’è anche un altro deprecabile fenomeno che purtroppo tende a incrementarsi: la guida in stato di ebbrezza alcolica e di assunzione di sostanze stupefacenti. Sono 186 i conducenti denunciati per la guida in stato di alterazione psicofisica e 138 le patenti ritirate. Sono invece in media con l’anno passato le auto trovate senza assicurazione, ben 2.438. Ma fra questi ci sono anche gli automobilisti non a conoscenza di essere scoperti in quanto vittime dei cosiddetti “brokers”, intermediari che fanno credere all’automobilista di aver stipulato un’assicurazione, che di fatto però non esiste.

Il comandante Calzia e i suoi più diretti collaboratori nei diversi settori, Davide Ullasci, Nicola Ambrosini e Elisabetta Spano, sono stati chiari: «La nostra presenza in strada è aumentata con l’assunzione recente di oltre una trentina di nuovi agenti. Il territorio urbano ed extra urbano è monitorato costantemente con le pattuglie in strada, in auto, in moto e a piedi, anche in abiti civili». Novità sull’asse mediano per limitare la velocità: è in arrivo un tutor che consentirà di monitorare l’andatura lungo tutto un tratto di strada, con la media della velocità sostenuta.

«In città si corre troppo, anche a 120 orari e più sull’asse mediano - ha commentato Calzia nell’elencare gli interventi di infortunistica stradale -, serve prudenza e responsabilità». In-tensa l’attività del personale della polizia locale anche nel settore ambientale e commerciale: controlli assidui su “sacchetto selvaggio” e dei negozi di vario genere gestiti per lo più da commercianti orientali. In particolare, nel quartiere della Marina, dove nelle ore della movida è sempre frequente lo smercio di bevande alcoliche, anche a minorenni. «Spesso nelle ore serali riportiamo a casa loro ragazzini e ragazzine ubriachi fradici – ha detto Davide Ullasci -. I genitori a cui vengono riaffidati, talvolta se la prendono con noi che siamo intervenuti». (l.on)

In Primo Piano
Meteo

Nubifragi e grandinate: dal Sassarese alle Baronie il maltempo colpisce il nord Sardegna

Le nostre iniziative