La Nuova Sardegna

Cagliari

Carabinieri

Obbligo di dimora a Cagliari ma lui vendeva gamberoni inesistenti a Quartucciu: denunciato

Obbligo di dimora a Cagliari ma lui vendeva gamberoni inesistenti a Quartucciu: denunciato

Ai compratori proponeva cassette che diceva di avere in auto e, intascati i soldi, fingeva di andarli a prendere in macchina e invece scappava. Identificato con le telecamere di un centro commerciale

19 aprile 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Quartucciu Non poteva uscire dal comune di Cagliari in cui il giudice gli aveva imposto di dimorare, lo ha invece fatto per continuare a commettere il reato che gli ha procurato nel recente passato numerose denunce e l’obbligo di dimora: spacciando a prezzo stracciato cassette di gamberoni che in realtà non esistevano e intascando anticipatamente da ingenui compratori il denaro dell’acquisto. Presi i soldi (dai 30 ai 50 euro a cassetta), fingeva di andare alla sua macchina parcheggiata a breve distanza per prendere la merce, ma spariva regolarmente nel nulla. Ieri 18 aprile, il 38enne cagliaritano è tornato in azione nel parcheggio del centro commerciale Millenium a Quartucciu, uno dei luoghi da lui preferiti per attuare la sua pratica truffaldina. Con la tecnica ormai collaudata, ha avvicinato nel parcheggio davanti al supermercato Carrefour un uomo di 66 anni e gli ha proposto una cassetta di gamberoni rossi freschissimi a un prezzo convenientissimo. La merce l’aveva in macchina, lì vicino, in modo da evitare controlli perché senza autorizzazione alla vendita ambulante. Il compratore c’è cascato, ha pagato in anticipo la cifra pattuita e aspettato che il venditore, allontanatosi di qualche decina di metri fra le auto in sosta, tornasse con i gamberoni. Non lo ha più visto, svanito nel nulla. Al 66enne non è rimasto che andare dai carabinieri di Selargius e denunciare l’accaduto.

Dalle immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza del centro commerciale, i militari hanno potuto riconoscere il falso pescivendolo, loro vecchia conoscenza, e lo hanno denunciato all'autorità giudiziaria per truffa. Nel corso degli accertamenti sulla persona, è emerso che il 38enne era sottoposto alla misura cautelare personale dell'obbligo di dimora nel comune di Cagliari e alla misura di prevenzione personale del divieto di ritorno per la durata di anni 3 nei comuni di Quartucciu e Quartu Sant'Elena, nei quali aveva dato in passato il meglio di sé per quanto attiene alle truffe dei gamberoni perpetrate.(l.on)

In Primo Piano
Nel porto

Santa Teresa, nuovo stop per la Giraglia: raggiungere la Corsica è un’odissea

di Marco Bittau
Le nostre iniziative