La Nuova Sardegna

Cagliari

Inchiesta

Quartu, l’imprenditore Matteo Pilato arrestato per bancarotta fraudolenta

di Luciano Onnis
Quartu, l’imprenditore Matteo Pilato arrestato per bancarotta fraudolenta

Operazione condotta da carabinieri e guardia di finanza. I debiti ammonterebbero a 3 milioni di euro

17 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Quartu Bancarotta fraudolenta per debiti di oltre 3 milioni di euro, di cui uno a danno dell’erario, carabinieri e Guardia di finanza arrestano un imprenditore, Matteo Pilato, 36 anni, ed effettuano numerose perquisizioni e controlli. Questa mattina 17 gennaio i carabinieri della sezione di polizia giudiziaria  della Procura della Repubblica di Cagliari e i militari del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza del capoluogo, con il supporto operativo dei carabinieri della Compagnia di Quartu e dell’unità cinofila “cashdog” dei Baschi verdi, hanno dato esecuzione alla misura cautelare, richiesta dalla Procura della Repubblica di Cagliari ed emessa dal Gip del Tribunale di Cagliari, degli arresti domiciliari con mezzi elettronici di controllo (braccialetto elettronico) nei confronti di un imprenditore locale, per plurime condotte di bancarotta fraudolenta per sottrazione di beni di una società, posta in liquidazione giudiziale il 12 luglio scorso, dal Tribunale fallimentare di Cagliari per debiti accumulati pari ad oltre 3 milioni di euro, di cui oltre 1 milione ai danni dell’Erario.

Secondo quanto appurato nel corso delle indagini degli investigatori,  l’uomo avrebbe gestito la società, per esclusivo interesse personale, realizzando la principale sottrazione di beni attraverso l’alienazione, tra il 2019 ed il 2020, della proprietà di un’altra società che, recentemente, ha terminato i lavori di costruzione di un complesso immobiliare di lusso costituito da ville e appartamenti commercializzati al prezzo di svariate centinaia di migliaia di euro ciascuno.

Elezioni regionali 2024
Il voto

Elezioni regionali, i dati sull’affluenza alle 19: 44,1 per cento

Le nostre iniziative