La Nuova Sardegna

Cagliari

Il dramma

Muore annegato a Cagliari, 10 giorni fa aveva perso la moglie


	La Guardia costiera impegnata nel recupero dell&#39;uomo annegato&nbsp;<em>(foto Mario Rosas)</em>
La Guardia costiera impegnata nel recupero dell'uomo annegato (foto Mario Rosas)

I familiari dell’uomo residente a San Sperate avevano segnalato alle forze dell’ordine la scomparsa del loro caro

09 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari È un settantenne di San Sperate, Salvatore Tesi, l’uomo trovato senza vita a mezzogiorno di oggi 9 aprile nello specchio di mare antistante il molo frangiflutti di Marina Piccola, sotto la parete est della Sella del Diavolo. Sono stati alcuni diportisti ad avvistare un corpo inanimato galleggiare in acqua, a una ventina di metri dalla barriera frangiflutti. L’allarme ha fatto arrivare sul posto un mezzo nautico veloce della Guardia costiera e i sommozzatori del distaccamento portuale dei vigili del fuoco. Il corpo è stato ripescato e trasportato sul molo della Capitaneria di porto in città.

Il suo corpo è stato riconosciuto dal figlio, arrivato dopo la telefonata della Capitaneria che è risalita alla sua presunta identità attraverso una segnalazione di persona scomparsa divulgata ieri dai carabinieri di San Sperate, a cui si erano rivolti i familiari dell’anziano che non riuscivano a rintracciarlo dopo che era scomparso dalla mattinata. Era uscito senza portarsi appresso il portafoglio con soldi e documenti, il telefono e le sigarette, cosa abbastanza insolita. L’uomo aveva perso la moglie una decina di giorni fa ed era rimasto molto scosso dal triste evento. Il medico legale ha stabilito le cause del decesso, avvenuto per annegamento. Nessun segno di violenza è stato riscontrato sulla salma, poi restituita ai familiari su disposizione del magistrato. (l.on)

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative