La Nuova Sardegna

Nuoro

tribunale

“Lei non sa chi conosco io” e finisce dal giudice

NUORO. È finita a processo per una frase diventata un grande classico dei posti di blocco. Nel 2009, infatti, la rappresentante di infissi in questione, originaria di Olbia, era stata fermata,...

07 giugno 2013
2 MINUTI DI LETTURA





NUORO. È finita a processo per una frase diventata un grande classico dei posti di blocco. Nel 2009, infatti, la rappresentante di infissi in questione, originaria di Olbia, era stata fermata, infatti, sulla Nuoro-Siniscola, per un normale controllo. Ma a quanto pare, di fronte alla richiesta “patente e libretto, prego”, anziché rispettare la richiesta, aveva manifestato un po’ di nervosismo, e alla fine aveva replicato più o meno così: «Lei non sa chi conosco io». Una leggera variante del più tradizionale «Lei non sa chi sono io». Ebbene, per questa frase, la professionista gallurese, è finita a processo, ieri mattina, davanti al giudice monocratico Mariano Arca, con l’accusa di minaccia a pubblico ufficiale.

E la vicenda giudiziaria è entrata subito nella fase della discussione. «La signora ha effettivamente pronunciato quella frase – ha spiegato il pm Andrea Schirra – lo ha fatto presumibilmente in uno stato di alterazione. Ha minacciato di avere conoscenze altolocate. Ma considerato lo stato di alterazione e il fatto che si tratti comunque di un episodio di lieve entità, chiedo la condanna a 6 mesi».

Per l’avvocato della donna, Franco Manduzio, in questa vicenda «il reato non sussiste perché manca l’elemento soggettivo», per questo ha chiesto l’assoluzione della sua assistita o, in subordine, il minimo della pena. Il giudice Mariano Arca, tuttavia, ha rinviato l’eventuale sentenza, perché dopo un controllo ha scoperto che la donna attualmente è “sotto amministrazione controllata” a Tempio, ovvero ha qualche problema di salute mentale. Nella prossima udienza, dunque, il 23 settembre, verranno acquisite le carte relative al suo stato di salute, e si accerterà se può partecipare in modo consapevole al processo. (v.g.)

In Primo Piano
Il giallo

L’appello del fratello di Francesca Deidda al presunto omicida: «Dica la verità»

di Luciano Onnis
Le nostre iniziative