La Nuova Sardegna

Nuoro

Liceo linguistico, una lezione sulla donazione di organi

di Pietro Rudellat
Liceo linguistico, una lezione sulla donazione di organi

NUORO. L’associazione Prometeus Aitf e il liceo linguistico Maria Immacolata di Nuoro hanno organizzato un incontro sul tema “Donare è una scelta di cuore” rivolto agli studenti. All’incontro hanno...

31 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





NUORO. L’associazione Prometeus Aitf e il liceo linguistico Maria Immacolata di Nuoro hanno organizzato un incontro sul tema “Donare è una scelta di cuore” rivolto agli studenti. All’incontro hanno preso parte il presidente di Prometeus, Pino Argiolas, Stefano Dedola, consulente scientifico dell’Associazione, Massimo Dadea, cardiologo, Antonio Mascia, chirurgo vascolare e Elena Zidda, primario del reparto di Rianimazione del San Francesco di Nuoro e responsabile provinciale per la donazione degli organi.

Erano presenti anche due trapiantati, Stefania Boi e Giuseppe Fa, quest’ultimo che sarà impegnato nel fine settimana nella prova di triathlon inserita nel Tnatura in programma ad Orosei. L’associazione Prometeus è nata nel 2002, grazie alla iniziativa di alcuni pazienti che avevano subito il trapianto lontano dalla Sardegna.

«Questa iniziativa – ha detto il presidente dell’associazione Pino Argiolas – è stata programmata per far conoscere i problemi legati alla donazione degli organi e per promuovere la donazione presso gli studenti del liceo linguistico nuorese». In Sardegna si eseguono da tempo trapianti di cuore, fegato, rene e pancreas.

«Meglio chiarire che non si fa una gara a chi riceve il maggior numero di donazioni – ha detto il medico dell’ospedale San Francesco Elena Zidda – perché altrimenti si genera confusione. Per la donazione servono le giuste condizioni, senza scordare che la missione di noi medici è quella di salvare vite umane. In questi primi mesi del 2014 a Nuoro si sono avute due donazioni, di cui una multiorgano».

Per quanto riguarda il trapianto di cuore Massimo Dadea ha specificato che «la patologia cardiaca è certamente quella con la più alta incidenza e di conseguenza è più alto il numero di richieste di trapianti. Per questo motivo le liste di attesa sono più lunghe delle altre».

»Nello scorso anno – ha concluso l’ex assessore regionale – è calato il numero di trapianti eseguito in Sardegna, che sono stati appena cinque, in controtendenza rispetto all’anno precedente»

In Primo Piano
Il soccorso

Giovane amazzone cade da cavallo alla processione di Beata Maria Gabriella a Nuoro: è grave

Le nostre iniziative