La Nuova Sardegna

Nuoro

Sei giorni di festa tra sacro e profano per “Su Carminu”

di Bernardo Asproni
Sei giorni di festa tra sacro e profano per “Su Carminu”

Orune, al via le celebrazioni per la Vergine del Carmelo Ricco programma: il 2 settembre concerto di Alexia

29 agosto 2014
2 MINUTI DI LETTURA





ORUNE. Concerti, corsa dei cavalli e degli asini, sagra della pecora, poesia estemporanea, folk e balli, oltre ai riti religiosi, caratterizzano la festa grande della Beata Vergine del Carmelo 2014, una delle più importanti del paese, che prende il via oggi. Una tradizione che viene da lontano. La data effettiva ricade il 16 luglio ma, in passato, per motivi legati al lavoro nei campi si decise di venerarla a fine agosto, periodo in cui le attività nel comparto agro-pastorale erano meno gravose.

La sei giorni di festa – da oggi, fino al 2 settembre, poi, Su Carmineddu il 7 settembre – è molto sentita in paese, dove sacro e profano si integrano attirando molti festaioli anche dai centri vicini, attratti dalla atavica ospitalità degli orunesi. Il comitato (leve 1969 e 1984), presidente Angela Maria Masala e vice Salvatorina Basile, ha predisposto un ricco programma. Oggi alle 21,30 vengono presentate le ricerche storico-geografiche dei bambini delle elementari. Sabato 30, alle 17, animazione e giochi per bambini e alle 22 concerto di Mogamaro. Domenica 31, alle 8,30, arriva la banda musicale Mibelli gruppo Majorettes e Tamburi di Olbia che alle 10 parteciperanno alla processione solenne con i gruppi folk in costume e cavalieri; alle 11,30 messa solenne cantata dal coro Omines Agrestes di Lula; ore 17 sfilata con banda musicale e majorettes, esibizione dei bambini in costume di Siniscola e Norkalis-Orune e premiazione del miglior costume e coppia in costume, cavaliere più disciplinato. Poi, la serata folcloristica, presentata da Gino Satta,con i gruppi Santa Lulla, Santu Sidore,Norkalis di Orune, Santu Matteu-Chiaramonti, Santa Barbara-Gadoni, Proloco di Meana Sardo, i tenores Nunnale, S’Arvorinu e Sant’Efis di Orune, Monte Bannitu-Bitti, Cuncordu Gennargentu-Fonni. Lunedì 1 settembre, alle 10, prova di abilità e giochi vari; alle 16, la corsa dei cavalli in località Su Cossolu; alle 20 sagra della pecora nei locali del Carmelo e alle 22 gara poetica con Masala-Mureddu-Donaera. Martedì 2, alle 10 e alle 17, giochi vari e tiro alla fune. In serata (alle 22), concerto di Alexia. Il 7 si celebra Su Carmineddu: alle 13 pranzo comunitario nel Carmelo, e in serata, alle 19, la corsa degli asinelli e alle 22 estrazione della lotteria. Una festa davvero per tutti i gusti.

Turismo

L'assessore Franco Cuccureddu: la Sardegna vendiamola cara e diciamo grazie a chi spende 100 euro per una pizza

di Luigi Soriga
Le nostre iniziative