La Nuova Sardegna

Nuoro

Siniscola, cacciatore muore stroncato da un infarto durante una battuta

I soccorsi al cacciatore morto nelle campagne di Irgoli
I soccorsi al cacciatore morto nelle campagne di Irgoli

Insieme a un amico stava cacciando pernici in una zona impervia al confine del territorio di Irgoli. Inutili i soccorsi

27 settembre 2015
1 MINUTI DI LETTURA





SINISCOLA. Un cacciatore del paese, Dario Canu, 41 anni, è morto oggi, domenica 27, in una zona impervia nelle campagne al confine con il territorio di Irgoli. L'uomo era impegnato in una battuta di caccia alla pernice insieme a un amico quando è stato colpito da un malore.

Il compagno di caccia ha immediatamente dato l'allarme al 118 e gli ha praticato i primi soccorsi. Da un vicino ovile sono arrivati anche alcuni pastori che hanno fornito le giuste cooordinate per l'intervento dei vigili del fuoco e della Protezione civile.

[[atex:gelocal:la-nuova-sardegna:nuoro:cronaca:1.12165386:gele.Finegil.Image2014v1:https://www.lanuovasardegna.it/image/contentid/policy:1.12165386:1653331896/image/image.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d5eb06a]]

Da Alghero si è levato in volo l'elicottero che è arrivato nella zona dopo poco tempo con l'equipe del 118. Ma tutti i socorsi sono stati inutili. Il cuore di Dario Canu aveva già cessato di battere. Il cacciatore è stato probabilmente stroncato da un infarto.

Non aveva mai avuto problemi di salute e la sua morte ha destato grande dolore a Siniscola e anche a Posada, paese di nascita della moglie. Dario Canu era figlio di un poliziotto molto conosciuto e stimato in Baronia.

In Primo Piano
Il vertice

Siccità, un tavolo permanente sino alla fine dell’emergenza

di Andrea Massidda
Le nostre iniziative