Strade allagate e consueti disagi: 20 millimetri in meno di un’ora

BOSA. Prime piogge e vecchi disagi. Il temporale che dalle 7 del mattino ha imperversato in Planargia e sulla città del Temo, per poco meno di un’ora, ha mobilitato il sistema di protezione civile e...

BOSA. Prime piogge e vecchi disagi. Il temporale che dalle 7 del mattino ha imperversato in Planargia e sulla città del Temo, per poco meno di un’ora, ha mobilitato il sistema di protezione civile e costretto i vigili urbani a chiudere alcune arterie prima che il livello dell’acqua che aveva allagato carreggiata e marciapiede in alcuni casi, scendesse a livelli accettabili. Tuoni, lampi e tanta pioggia, circa venti millimetri in meno di un’ora la stima, hanno ancora una volta messo a dura prova, in diverse aree urbane (come su alcune arterie di collegamento alla città del Temo, ad esempio la Bosa Marina-Turas ed il tratto della Statale 129 bis di fronte all’ex fabbrica di mattoni sulla sponda sinistra del Temo), il sistema di smaltimento delle acque bianche.

Nuovamente a mollo è finito il primo tratto del viale Alghero e vie limitrofe, con fine corsa al passaggio dei veicoli dall’incrocio tra il viale Giovanni XXIII e Via Pischedda fino a piazza Dante Alighieri, e da qui fino all’incrocio con via Brigata Sassari, con accesso percorribile da ovest da e per il centro, quindi, il viale Repubblica e via Parpaglia. Problemi anche nel tratto iniziale del corso Vittorio Emanuele, dove il livello dell’acqua è salito di parecchi centimetri di fronte a piazza Fontana.

Causando disagi per residenti e pendolari, in particolare per chi dalle fermate del bus doveva raggiungere il plesso del Liceo classico e scientifico.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes