Alberghiero: negativi tutti i tamponi

Il sindaco Casula: «Contagi circoscritti. Le scuole restano aperte»

BOSA. L’esito dei tamponi ai quali sono stati sottoposti gli studenti ed i docenti di una quarta classe dell’Alberghiero di Bosa è negativo. Lo annuncia in un comunicato sulla situazione locale Covid-19 il sindaco di Bosa Piero Franco Casula. «Siamo in attesa dell’esito di altri tamponi di nostri concittadini, di cui però non conosciamo il numero e le generalità». Al momento quindi sono 2, uno studente del Pischedda e una studentessa di Bosa che frequenta le superiori a Macomer, i casi ufficialmente conosciuti a Bosa. Tutti “Regolarmente in quarantena obbligatoria, in attesa dei nuovi tamponi effettuati anche ai contatti, a seguito dell’indagine epidemiologica condotta dalla Assl di Oristano” ricorda il primo cittadino di Bosa. Che aggiunge “Nella classe prima dell’Alberghiero è stata segnalata la positività di un ragazzo di Cuglieri, anch’esso posto in quarantena obbligatoria» nel suo paese di residenza. Nelle scuole medie di Bosa «Precauzionalmente, a seguito delle indagini epidemiologiche, qualche alunno è stato messo in isolamento fiduciario e sottoposto a tampone» relaziona ancora il sindaco Casula, in risposta anche a qualche voce incontrollata circolata in città. Insomma il contagio in riva al Temo al momento è «Circoscritto e non esiste alcun presupposto per limitare le lezioni o chiudere le scuole» conclude il primo cittadino. Nota dolente invece resta quella degli assembramenti, non necessariamente di soli giovani, in alcune zone urbane.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes