Mario Cherchi, un poeta di Orune in viaggio tra i grandi dell’isola

ORUNE. Da Salvatore Cambosu a Mario Melis, dalla Casa-museo dello scrittore di Orotelli all’intitolazione della biblioteca universitaria di Nuoro al grande sardista di Oliena. È sempre in viaggio il...

ORUNE. Da Salvatore Cambosu a Mario Melis, dalla Casa-museo dello scrittore di Orotelli all’intitolazione della biblioteca universitaria di Nuoro al grande sardista di Oliena. È sempre in viaggio il poeta di Orune Mario Cherchi, cantore della Sardegna e non solo con le sue ottave in endecasillabi. Cantore della storia e della cultura isolane, soprattutto dei grandi personaggi che hanno lasciato un segno indelebile in questa terra in mezzo al mare. Dalla presentazione del libro dell’orunese Giovanni Zidda (“Sas mamas de su prantu”) all’atteso appuntamento a Nuoro con il Premio Nobel per la letteratura Orhan Pamuk (evento rinviato per via del Covid), passando a Perdasdefogu dove aveva già presentato un omaggio a Gabriel Garcia Màrquez (ora quella poesia è esposta alla Casa museo di Aracataca) e proseguendo poi verso Ulassai, la patria di Maria Lai: è sempre Mario Cherchi che viaggia e viaggia ancora, con i suoi versi e la loro melodia, nonostante le mille difficoltà di questo 2020.

«S’annu millenobichentosdechennoe / in d’una terra povera ma digna / de montes maestosos de Sardigna / bi naschit de sas feminas s’eroe / e nos restat po semper sa carigna / immensa po s’eternu galu oe / ca su talentu de Maria Lai / n’à fattu celebre sa bidda Ulassai». È con questa ottava che in Ogliastra ha aperto la poesia dedicata all’eterna bambina Maria Lai. «A nob’annos in Casteddu t’at s’iscola / su mastru sa mente incoronadu / ca t’aiat Cambosu preparadu / sa dote ’e sa poetica parola / ma virtude non tenias una sola / ca t’illuminat de Ciusa lumenadu / s’atenta lezione ’e s’iscultura / ma finas chin Dettori sa pittura». Come sempre, Cherchi racconta la vita e le opere della figura omaggiata, e come sempre, anche a Ulassai, all’Archivio storico Maria Lai, lascia la pergamena con impressi i suoi versi. Così ha già fatto con Grazia Deledda, così anche con Emilio Lussu, con Antonio Gramsci, Francesco Ciusa e Antonio Pigliaru. Ogni volta, portando con sé l’orgoglio orunese, da buon poeta qual è. Persino nell’opera che ha scritto per Orhan Pamuk, in sardo di Orune, tradotto in italiano e poi turco (da Engin Talas), in attesa che il Premio Nobel arrivi a Nuoro non appena la pandemia sarà finita. Nel frattempo Mario Cherchi continua il suo viaggio: «Chin panes ricamada abellida / e candida farina su decoro / sa creja e Santa Barbara frorida / l’aias impinnada che tesoro / cal’est sa creatura chi bat oro / chi restat po s’eternu gal’in bida / identica gemella de s’ozzastra / prezisa po negare chi ses mastra» chiude la poesia omaggio a Maria Lai. Otto ottave in endecasillabi per una grande dell’arte che tiene ancora i fili delle fiabe e favole senza tempo. (l.p.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes