Allarme della Caritas: povertà in forte aumento

Ogni giorno la mensa offre 50 pasti, attivo anche il servizio a domicilio  Al centro ogliastrino continuano ad arrivare richieste d’aiuto per pacchi viveri 

TORTOLÌ. Crescono sempre più, anche nella cittadina e in tutta l’area dell’ex Provincia Ogliastra, i nuovi poveri causa l’emergenza epidemiologica. Il vicario generale della diocesi, nonché direttore della Caritas diocesana Ogliastra, don Giorgio Cabras (per due decenni parroco di Stella Marias ad Arbatax) ha evidenziato che anche ieri mattinam c’è stata a la distribuzione, dal magazzino della Colonia Madonna d’Ogliastra dei pacchi di generi alimentari non deteriorabili – come olio, pasta, tonno e altri alimenti in scatolette, zucchero, caffé, confezioni di pomodori pelati, biscotti secchi e via dicendo – giunti grazie a “Beni Agea” (Agenzia per le erogazioni in agricoltura), che i volontari consegneranno alle parrocchie, e da queste alle famiglie e a quanti si trovano in condizioni economiche disagiate nei centri che fanno capo alla diocesi. Per fare un chiaro esempio solo nella cittadina costiera, lo scorso mese di aprile, a presentare domanda per i bonus regionali da 800 euro a sostegno delle famiglie, sono stati più di 750.

«Purtroppo – afferma don Giorgio Cabras – dobbiamo fare fronte a una situazione sempre pù grave. Con le due sedi della Caritas diocesana Ogliastra di Tortolì e di Lanusei, cerchiamo di venire incontro alle sempre più numerose richieste di aiuto». E allora torna d’attualità il forte messaggio che a marzo, a inizio della emergenza epidemiologica per Covid-19 e del lockdown, pandemia, proprio il vicario generale della diocesi, nonché direttore della Caritas diocesana Ogliastra, inviò alle tantissime famiglie e persone in gravi difficoltà di tutto il territorio: «Un abbraccio di speranza anche se a distanza».

Don Cabras non smette mai di ringraziare i tanti volontari che danno una grande e reale mano d’aiuto alla Caritas diocesana. E proprio l’organismo pastorale della Cei, è in prima fila, anche in Ogliastra «sempre con grande impegno quotidiano per dare un aiuto concreto ai più deboli, agli ammalati e agli anziani, anche in tempi di emergenza epidemiologica». In quest’ultimo periodo di pandemia la mensa della Chiesa solidale della Caritas diocesana di Tortolì, grazie ai cuochi e a tutti gli altri volontari continua a sfornare, oltre 50 pasti al giorno.

«Considerata la situazione – conclude don Giorgio Cabras – non è più possibile consumare i pasti qui nella sede della mensa diocesana locale. Chi può, viene e se lo porta a casa, mentre per quanti sono impossibilitati a farlo, viene portato nelle loro abitazioni dai volontari».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes