Ilbono e Gairo, comunità sotto shock

Il dolore nelle parole dei sindaci dei due comuni. A Ilbono oggi lutto cittadino

ILBONO. «Questa per tutti noi è un’immane tragedia». Non riesce a trattenere la commozione Giampietro Murru. Il sindaco di Ilbono non è in paese quando riceve la tragica notizia dell'incidente mortale che ha coinvolto una sua giovanissima concittadina.

«La comunità ilbonese piange una figlia, una sorella che meritava di proseguire la vita in terra. Non in cielo. L’ho vista qualche sera fa, in un bar del paese, sorridente come sempre. Era in compagnia di amici e aveva risposto con il suo solito spirito ad una mia battuta» dice al telefono il primo cittadino, con la voce scossa dai singhiozzi.

Murru ha deciso di proclamare il lutto cittadino per quest’oggi, in occasione della cerimonia di commiato, e di annullare tutte le manifestazioni in programma nel paese a partire da quella che si sarebbe dovuta tenere venerdì prossimo nel complesso archeologico di Scerì.

Non c’è solo Ilbono a piangere Giorgia Ibba. Anche Gairo, paese d’origine di Palmira Piras madre della giovane donna, si stringe attorno alla famiglia Ibba. Lo fa per bocca del sindaco, Sergio Lorrai. «Abbiamo appreso con profonda tristezza e dolore della disgrazia in cui – dice il primo cittadino gairese – ha perso la vita Giorgia, una ragazza di Ilbono, figlia di Palmira, originaria di Gairo. Ci stringiamo con affetto alla sua famiglia e alla sua comunità per l'immane tragedia».

Immane tragedia, queste le parole che si rincorrono tra chi ora la ricorda con affetto mistro a incredulità e dolore, perché di immane tragedia si tratta quando a morire in circostanze così drammatiche è una ragazza di 27 anni che aveva tutta la vita davanti.(g.f.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.
WsStaticBoxes WsStaticBoxes