Il coro “Voches” conquista l’Eliseo

La formazione di Galtellì trionfa al concorso “Patria dei cori” E l’evento dedicato a Nuvoli chiude con grandi numeri

NUORO. È il coro “Voches ’e ammentos” di Galtellì ad aggiudicarsi la sesta edizione del concorso corale nazionale “Nuoro patria dei cori”, promosso dall’associazione culturale dedicata al maestro del folklore Bobore Nuvoli. A illuminare la notte del teatro Eliseo, guidata da Giuliano Marongiu sul copione scritto dai direttori artistici Eta Nuvoli e Giampaolo Caldino, 530 coristi di 23 formazioni corali, isolane e d'oltre mare, che hanno offerto al pubblico nuorese e non solo, uno spettacolo di ben 33 brani tra inediti e pietre miliari provenienti dalla tradizione popolare. A trionfare è stata proprio la formazione corale di Galtellì diretta da Pietro Marrone che oltre al primo premio assoluto ottenuto con il brano “Lagrima”, composto sui versi di tziu Bernardu Zizi, porta a casa anche il primo posto nella sezione dedicata ai cori maschili. Nella stessa sezione, secondo posto ex aequo per il coro “Erica di Paitone” (Brescia) e per il “La Vega” di Milis, che porta a casa anche il premio assegnato dalla giuria popolare; e terzo per il coro “Istelotte” di Dorgali. A trionfare nella sezione dedicata alle corali femminili è stata invece la corale di Siurgus Donigala che si è piazzata davanti al coro “Malabrina” di Illorai e a “Sa pintadera” di Oristano. Vince la sezione dedicata ai cori misti, la “Vivaldi” di Sassari, secondo posto per l'Eleonora d'Arborea e terzo ex aequo per le “Lorenzo Perosi” di Dorgali e “Sant’Elena” di Tiana. «Per me questo concorso rappresenta sempre una grande emozione – commenta Eta Nuvoli – dovuta al cuore che mettiamo nell’organizzare questo evento che si ispira ai pensieri rivolti alla memoria di mio padre Bobore Nuvoli. Mi piace pensarlo felice nel vedere così tante persone che cantano per lui. Il concorso cresce e ne siamo felici». Dopo le sezioni dedicate ai brani di nuova composizione, ad aggiudicarsi quella dedicata ai brani ispirati alla tradizione popolare è il coro “Erica di Paitone” di Brescia mentre il coro “Sant'Anna” di Tortolì si piazza al secondo posto e al terzo, ex aequo, ancora il coro “La Vega” di Milis e il “Lorenzo Perosi” di Dorgali. Nel corso della serata anche la consegna di due menzioni speciali. Una al coro “Eleonora d'Arborea” di Oristano per il brano “Sa terra” individuata come la migliore composizione originale; e l'altra al coro “Sos Balaros” di Monti per il brano “Fogos malaittos” premiato per l'attualità del tema trattato dedicato all'emergenza incendi dell'ultima estate. La giuria è stata presieduta dal direttore d'orchestra pescarese Pasquale Veleno.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes