La Nuova Sardegna

Nuoro

Il caso

Giardinetti di Nuoro in balia dei vandali: il Comune corre ai ripari

di Kety Sanna
Giardinetti di Nuoro in balia dei vandali: il Comune corre ai ripari

Transennate le zone danneggiate: è caccia ai responsabili

24 gennaio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Nuoro La risposta dell’amministrazione di Nuoro è stata immediata. Ieri mattina gli operaio del Comune hanno messo in sicurezza l’area dei Giardinetti, vandalizzata qualche notte fa da un gruppo di balordi. «Ci siamo attivati subito per mettere in sicurezza la piazza – ha detto l’assessore ai Lavori pubblici Fabrizio Beccu, veramente indignato dall’accaduto –. Abbiamo fatto recintare con le transenne le zone danneggiate di piazza Vittorio Emanuele, e riposizionato la fontana divelta. Primi interventi – rassicura –. Si vorrebbero evitare spiacevoli incidenti, visto che la piazza è molto frequentata anche dai bambini. Il resto verrà sistemato nel minor tempo possibile».

L’azione vandalica, messa a segno tre o quattro notti fa, è stata scoperta in ritardo. Forse anche l’imponente nevicata del fine settimana appena trascorso, è riuscita a nascondere le malefatte di questi teppisti che, indisturbati, e sotto l’effetto dell’alcol, hanno scaricato le loro energie sul lastricato di granito, sulle centraline elettriche, sulla fontana in ghisa, danneggiandoli pesantemente. Uno scempio che ha amareggiato tutti, ed è per questo che ora ci si aspetta che chi l’ha commesso venga individuato e punito. Atti di vandalismo e aggressività gratuiti, che ricadono su tutta la comunità. «In queste ore si è al lavoro per trovare i responsabili – aggiunge Fabrizio Beccu –. È stato segnalato il danneggiamento all’autorità competente: la polizia municipale sta visionando le telecamere per risalire all’identità dei responsabili. Tutta l’area dei Giardinetti è videosorvegliata e alle telecamere sistemate nei punti strategici della piazza, si aggiungono quelle di alcune abitazioni e degli esercizi commerciali che si affacciano sulle strade limitrofe. Danneggiare i beni della comunità è un reato, è un atteggiamento vile e incivile. Comportamenti come questi sono ancora più deplorevoli se ad essere presi di mira, sono i luoghi di ritrovo dei giovani – commenta ancora l’assessore –. È triste immaginare che ci sia qualcuno capace di divertirsi e provare soddisfazione nel compiere azioni di questo tipo. L’unica cosa che posso augurarmi è che si sia trattato di un episodio sporadico e unico».

Intanto l’amministrazione comunale sta pensando di intensificare i controlli in diverse zone della città, alcune riqualificate di recente, proprio per evitare che possano essere “attaccate” da gruppi di balordi annoiati. Purtroppo non è la prima volta che accade, e forse occorrerebbe studiare misure preventive anche dal punto di vista sociale, importanti per proteggere e garantire la sicurezza di tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

In Primo Piano
Live

Top 1000, ecco le imprese sarde che crescono: più forti di insularità e gap strutturali

di Giuseppe Centore
Le nostre iniziative