La Nuova Sardegna

Nuoro

Trasporti

Lo scalo di Tortolì riapre a maggio: si riparte dagli aerei da turismo

di Lamberto Cugudda
Lo scalo di Tortolì riapre a maggio: si riparte dagli aerei da turismo

Ammendola (Cipo): sarà nella settimana dal 9 al 15, già diversi contatti

27 aprile 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Tortolì «Non c’è ancora una data certa, ma fra il 9 e il 15 maggio, grazie al previsto rilascio da parte dell’Enac dell’autorizzazione all’aviazione generale (aerotaxi fino a 18-20 posti, e piccoli aerei d turismo, tutti aino a 5,7 tonnellate di peso) il nostro aeroporto potrà finalmente riaprire al traffico diurno». A darne notizia, mentre si trova nella Penisola, il presidente del consorzio industriale provinciale Ogliastra (Cipo), Franco Ammendola. L’ente che presiede è socio unico dell’AliArbatax, proprietaria della struttura aeroportuale, nella “zona dei giardini”, con pista che termina a circa 120 metri dalla spiaggia di Basaura.

L’aeroporto di Tortolì è chiuso ininterrottamente da 11 anni e mezzo. E anche negli ultimi mesi ci sono state diverse chiamate telefoniche in Consorzio da parte di da proprietari di piccoli aerei, che vorrebbero “sbarcare” a Tortolì. Con l’autorizzazione all’aviazione generale, come già ricordato dal Cipo, non saranno necessari presidi fissi alla torre di controllo e antincendi, potranno atterrare gli aerotaxi, potrà nascere l’Aeroclub, la scuola di paracadutismo e altro ancora. Il settore dei piccoli aerei da turismo, fino a 12 posti è in forte crescita. «Nell’area del Mediterraneo – ha spiegato il presidente del Cipo – ci sono migliaia di proprietari di piccoli aerei che nei mesi di luglio e agosto non sanno dove atterrare in Sardegna essendo spesso al completo gli altri aeroporti dell’isola».

Per quanto attiene invece la richiesta, sempre all’Enac, per l’autorizzazione all’aviazione civile – che lo scalo aereo tortoliese ha avuto dal 1993 fino al momento della chiusura, a settembre 2011 – come sottolineato da Franco Ammendola, si sta già lavorando, con la speranza di riuscire a ottenerla entro al fine dell’anno in corso. Il che permetterà il volo su Tortolì anche ai charter turistici con oltre 100 passeggeri. Se dovesse giungere prima, sarebbe utile anche alle strutture ricettive della zona ogliastrina, che programmano la stagione già da fine ottobre.


 

In Primo Piano
Strutture ricettive

Lotta al sommerso nel turismo: sul mercato tante offerte sospette

di Claudio Zoccheddu
Le nostre iniziative