La Nuova Sardegna

Nuoro

Aeronautica

Volo salvavita per un bimbo di 11 mesi di Nuoro: è stato ricoverato al Gaslini di Genova

Volo salvavita per un bimbo di 11 mesi di Nuoro: è stato ricoverato al Gaslini di Genova

Il trasporto è stato fatto su un Falcon 50 del 31° Stormo

20 maggio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari È atterrato nel tardo pomeriggio di oggi, sabato 20, all'aeroporto di Genova un velivolo Falcon 50 del 31° Stormo dell’Aeronautica Militare che ha effettuato il trasporto sanitario d’urgenza di un bambino di solo 11 mesi di vita che, ricoverato presso l'Ospedale San Francesco di Nuoro, necessita di specifiche cure salva-vita presso l'ospedale pediatrico Gaslini. La missione è stata effettuata da un equipaggio dell’Aeronautica Militare che nel primo pomeriggio è decollato dall’aeroporto militare di Ciampino, sede del 31° Stormo, alla volta dell'aeroporto di Olbia per imbarcare il piccolo paziente con l’equipe medica e la mamma.Il trasporto d’urgenza, è stato richiesto dalla Prefettura di Nuoro ed è decollato su ordine della Sala Situazioni di Vertice del Comando Squadra Aerea dell’Aeronautica Militare che ha tra i propri compiti anche quello di attivare e gestire questo tipo di emergenze.

Attraverso i suoi Reparti di Volo, l’Aeronautica Militare mette a disposizione mezzi ed equipaggi pronti a decollare in qualunque momento e in grado di operare anche in condizioni meteorologiche complesse per assicurare il trasporto urgente non solo di persone in imminente pericolo di vita, come accaduto in questo caso, ma anche di organi ed equipe mediche per trapianti. Sono centinaia ogni anno le ore di volo effettuate per questo genere di interventi dagli aerei del 31° Stormo di Ciampino, del 14° Stormo di Pratica di Mare, della 46ª Brigata Aerea di Pisa e dagli elicotteri del 15° Stormo di Cervia che proprio in questi giorni sono costantemente impegnati nel supporto della popolazione dell'Emilia-Romagna duramente colpita dalla forte alluvione. (LaPresse)

In Primo Piano
L’isola a secco

Dramma siccità, a Budoni «caccia alle streghe» verso chi usa l'acqua

di Paolo Ardovino
Le nostre iniziative