La Nuova Sardegna

Nuoro

Ambiente

Erba sintetica sull’Ortobene, polemiche nell’area naturale

Erba sintetica sull’Ortobene, polemiche nell’area naturale

Il tappeto sintetico in montagna fa discutere. Costa "Il luogo viene così riqualificato"

12 agosto 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Nuoro Venti metri quadri di erba sintetica in cima al monte Ortobene. Più che polemiche, sta creando un po’ di ironia l’ultima iniziativa promossa dal comitato “Monte Ortobene – ultima spiaggia” che, per riqualificare uno spazio poco distante dal parco dell’anello comunale, ha scelto i tappeti sintetici. «Ma come è possibile – sghignazza un anziano –? L’erba sintetica in montagna? Incredibile». Qualcuno fa un appunto più pungente e si chiede: «Ma i vincoli della zona di protezione speciale non dovrebbero vietare queste cose»? Il comitato, già da diversi anni, si occupa della valorizzazione della montagna con eventi e realizzazione di opere utili all’abbellimento dei luoghi di interesse culturale e naturalistico. Quest’ultima operazione, come riferito dallo stresso presidente del comitato, Antonio Costa, costerà circa 3mila euro al gruppo di volontari: «L’intervento che stiamo portando avanti – spiega Costa – è ovviamente autorizzato dal Comune e si inserisce in tutte quelle opere di riqualificazione che portiamo avanti da tanti anni, come le nuove panchine, le aiuole fiorite o la cartellonistica». Poi la risposta all’ironia e alle polemiche: «La scelta del sintetico è stata valutata in funzione del fatto che quella zona è povera di risorse idriche necessarie all’irrigazione continuativa. Con l’erba naturale non si risolverebbe il problema del degrado – afferma il presidente del comitato – ed esempio calzante ne è la situazione del manto erboso nel parco dell’anello, ingiallito in molte parti e irrigato solo in alcune». E ancora: «Con questa operazione abbiamo dato ordine e dignità ad un reliquato abbandonato da decenni, a uno spazio che dedicheremo a una persona cara. Chi insiste nelle polemiche si faccia avanti con proposte migliori ed opere concrete». (a.me.)

In Primo Piano
Il rogo

Usellus, il maestrale spinge l’incendio verso l’altopiano della Giara: in azione 4 canadair

Le nostre iniziative