La Nuova Sardegna

Nuoro

Politica

Nuoro, nuove commissioni consiliari, un gioco di fragili equilibri

di Alessandro Mele

	Una seduta del consiglio comunale
Una seduta del consiglio comunale

Non del tutto chiara la collocazione in aula di alcuni consiglieri comunali. Ecco i nomi dei componenti dei sette parlamentini appena ricostituiti

17 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





NUORO Nuove commissioni consiliari, stessi problemi del passato. O quasi. Se infatti, da un lato, il consiglio comunale, nella seduta di avantieri, ha approvato con 16 voti a favore e 2 astenuti la composizione delle 7 commissioni consiliari permanenti, dall’altro, la composizione di queste non risolve i problemi per i quali il presidente del consiglio comunale e neo consigliere regionale Sebastian Cocco, aveva stabilito di azzerarle del tutto circa un anno fa.

I problemi rilevati dal presidente dell’assise, erano quelli relativi alla reale collocazione dei consiglieri tra maggioranza e opposizione e i cambi di colore politico avvenuti nel corso degli ultimi mesi.

È il caso, ad esempio, di Emilio Zola che eletto nel 2020 in maggioranza nelle file di Ripensiamo Nuoro, alle ultime consultazioni regionali si è invece candidato con la Lega e fino ad oggi non ha ancora chiarito quale sia la sua reale collocazione tra gli scranni dell’aula di via Dante. Lo stesso dicasi per i componenti del cosiddetto gruppo misto. Tra di loro, mentre Maria Boi e Gabriella Boeddu hanno sempre apertamente sostenuto la maggioranza di Andrea Soddu, Marianna Palumbo, Stefano Mattu e Claudia Fadda (coofondatori del nuovo gruppo “Einstein per Nuoro”), hanno dichiarato totale neutralità sui voti consiliari. A creare la nuova sigla è stata anche Giusy Goddi che però, non essendo confluita nel gruppo misto, risulta ancora a tutti gli effetti una consigliera della civica “Andrea Soddu sindaco”. È evidente che non appaia ancora chiaro se, nelle nuove commissioni, siano davvero garantiti gli equilibri tra maggioranza e opposizione.

I nuovi parlamentini sono così composti. Visione urbana: Marcello Calia, Giusy Goddi, Maria Boi, Giovanni Dettori, Emilio Zola, Viviana Brau, Carlo Prevosto e Fabrizio Melis.

Paesaggio: Gianfranca Bonanimici, Maria Boi, Claudia Fadda, Narciso Guria, Giovanni Dettori, Fabrizio Melis, Viviana Brau e Pietro Sanna.

Attività produttive: Giusy Goddi, Leandro Murru, Claudia Fadda, Maria Boi, Narciso Guria, Francesco Guccini, Pietro Sanna e Angelo Arcadu.

Tradizioni e cultura: Marcello Calia, Giusy Goddi, Stefano Mattu, Marianna Palumbo, Giovanni Dettori, Pierluigi Saiu, Angelo Arcadu e Natascia Demurtas.

Programmazione economica: Giovanna Obinu, Leandro Murru, Gabriella Boeddu, Marianna Palumbo, Giovanni Dettori, Lisetta Bidoni, Natascia Demurtas e Pierluigi Saiu.

Benessere delle persone e della comunità: Gianfranca Bonamici, Giovanna Obinu, Francesco Mereu, Gabriella Boeddu, Emilio Zola, Angelo Arcadu, Natascia Demurtas e Francesco Guccini.

Programmazione: Francesco Mereu, Gianfranca Bonamici, Stefano Mattu, Gabriella Boeddu, Giovanni Dettori, Carlo Prevosto, Fabrizio Melis e Lisetta Bidoni.

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative