La Nuova Sardegna

Olbia

MONTI

Sarà restaurata l’antica chiesa di San Giovanni Battista

Sarà restaurata l’antica chiesa di San Giovanni Battista

MONTI. Tornerà agli antichi splendori la secolare chiesa di San Giovanni Battista grazie ad un finanziamento della soprintendenza dei beni ambientali, architettonici, artistici e storici di Sassari...

26 settembre 2012
2 MINUTI DI LETTURA





MONTI. Tornerà agli antichi splendori la secolare chiesa di San Giovanni Battista grazie ad un finanziamento della soprintendenza dei beni ambientali, architettonici, artistici e storici di Sassari e Nuoro. In aperta campagna a circa 400 metri dal centro abitato, oggi al limite del tessuto urbano, si credeva fosse stata costruita tra il 1600 e il 1700, ma gli esperti della Soprintendenza dopo numerosi sopralluoghi l’hanno retrodatata al 1400, diventando così uno dei monumenti storico-religiosi più antichi del paese. Sino agli anni ’50 era sede della più importante festa di Monti, inserita in un contesto socio-culturale in cui si intersecavano tradizioni contadine molto sentite.

Da alcuni giorni sono stati avviati i lavori, aperto il cantiere si sta procedendo per gradi: in primis saranno consolidati i già pericolanti muri perimetrali che di recente si erano sgretolati. Poi si passerà alla copertura che consentirà di salvaguardare l’intero edificio. Dopo il progressivo abbandono negli ultimi 50 anni e il successivo crollo del tetto, era divenuta un rudere quasi irrecuperabile.

In più di un’occasione numerosi cittadini avevano avanzato l’idea di salvare quell’antica chiesa, ma per i più disparati motivi non si era mai riusciti nell’impresa, tanto che fu costituito un comitato che eresse un nuovo tempio a poche decine di metri, proprio per rinverdire la tradizionale devozione. Se tutto procederà per il verso giusto in un prossimo futuro, non troppo lontano, la secolare chiesa potrà essere riaperta al culto. (g.m.)

In Primo Piano
Allarme sicurezza

Sassari, panico a San Donato: nigeriano spara in aria con una pistola

Video

Europeade del folklore, Alessandra Todde: «Nuoro al centro della cultura europea»

Le nostre iniziative