La Nuova Sardegna

Olbia

Caro estinto, congelati i costi dei loculi

di Serena Lullia
Caro estinto, congelati i costi dei loculi

L’accordo tra Asco e Comune prevede tariffe bloccate fino al 2019. Entro il 2015 sarà costruito il tempio crematorio

30 luglio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





OLBIA. Il caro estinto da oggi è meno caro. Così garantisce il nuovo accordo stipulato dal Comune con l’Asco, l’azienda servizi cimiteriali Olbia, assorbita dalla società Altair. Una intesa che prevede nuovi servizi, il tempio crematorio entro il 2015; 310mila euro in due anni per le manutenzioni straordinarie; il blocco delle tariffe attuali fino al 2019; la costruzione e consegna entro il 2015, a partire da settembre, di 444 loculi ai proprietari di sepolture provvisorie; la realizzazione delle camere mortuarie; un camposanto degli animali ma solo nel 2017. In cambio la Asco-Altair avrà la gestione dei cimiteri per altri venti anni. Fino al 2057.

Il tempio crematorio. «Sarà costruito e sarà funzionante entro il 2015 – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Davide Bacciu, che insieme al dirigente Antonello Zanda ha lavorato per mesi alla chiusura dell’accordo e al nuovo piano economico –. E le cremazioni avranno un costo accessibile». Il tariffario indica nel dettaglio: 492 euro, Iva esclusa, per la cremazione delle salme; 394 euro per la cremazione con casse in legno; 350 con casse in cellulosa; 168 euro la cremazione di resti ossei; 199 euro per la dispersione delle ceneri. L’intervento per l’Asco avrà un costo di 2milioni di euro. I feretri che arriveranno da altri comuni dovranno pagare 80 euro di quota aggiuntiva.

Loculi provvisori stop. È destinato a finire l’impietosa pratica del loculo provvisorio. Dal 1976 a oggi il Comune aveva rilasciato numerose concessioni di loculi. Ma al pagamento della tomba, totale o in acconto, non era seguita la realizzazione delle opere. «Tutto ciò aveva costretto a posizionare molte salme in loculi provvisori – aggiunge Bacciu –. Rientrano in questa casistica 444 loculi. In un anno risolveremo questo problema. Già dal primo settembre ci sarà la consegna del primo lotto funzionale».

Maxi manutenzione generale. In due anni verranno spesi 310mila euro per le manutenzioni straordinarie nel vecchio cimitero e in quello delle frazioni. 180mila euro nel 2015. Più un intervento una tantum per le manutenzioni ordinarie di 20mila euro.

Tombe e cappelle. Due le possibilità offerte. Acquistare, già da oggi, solo il terreno per realizzare una tomba di famiglia: 7.400 euro per un’area da 10 metri quadri o 10.300 per 10 metri quadri e costruire a proprie spese il manufatto. O comprare per 10.500 euro la tomba di famiglia a due posti grezza per 99 anni o a 13 mila per 4 posti. Nella costruzione si dovranno seguire delle tipologie precise. Libertà architettonica totale per chi acquisterà invece un’area di 25 metri quadri per 99 anni a 18.500 euro euro.

Elezioni regionali 2024
Elezioni regionali 2024

Come si vota: ecco le regole

Le nostre iniziative