Olbia, la maggioranza stanzia 280mila euro per un piano alternativo al Mancini

I soldi serviranno solo per finanziare lo studio di fattibilità da presentare in sede di Via. Altre risorse occorreranno per il progetto vero e proprio. La minoranza invia la delibera alla Corte dei conti

OLBIA. Dalle pieghe di una variazione di bilancio è comparso il finanziamento di 280mila euro per dare l' incarico professionale per elaborare un piano alternativo al Mancini. I soldi sono stati sottratti dai capitoli destinati alla bonifica dei siti inquinati, all'assunzione di nuovo personale all'Urbanistica, dalle multe.

Il bando prevede la preparazione dello studio di fattibilità della proposta di Olbia futura da presentare in sede di Via, in cui viene valutato l'impatto ambientale del progetto per mitigare il rischio idraulico. "Siamo sempre stati contrari al Piano Mancini - ha dichiarato il sindaco Settimo Nizzi -.Abbiamo quindi trovato i denari per fare un bando. Inizialmente pensavamo di fare solo uno studio di fattibilità. Nel bando abbiamo poi scritto che chi fa lo studio fa anche il progetto definitivo, esecutivo e direzione lavori. E per ogni voce abbiamo indicato i costi. Per ora abbiamo solo i soldi per lo studio di fattibilità».

Movimento 5 stelle e Coalizione civica e democratica invieranno la delibera con la variazione di bilancio alla Corte dei conti. Ritengono che finanziare un progetto identico a un piano già finanziato con soldi pubblici sia illegittimo. "Se la proposta dell'amministrazione verrà valutata meno impattante in sede di Via - dichiara Carlo Careddu, Pd -, si ritornerà alla casella di partenza. Dovrà essere elaborato un progetto esecutivo da presentare in Regione per ottenere tutte le autorizzazioni che il Piano Mancini ha già": Un iter che il piano Mancini fece in un anno.

I dettagli sulla discussione in aula, il bando e le conseguenze della variazione di bilancio nel giornale in edicola domani 29 novembre.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes