La Nuova Sardegna

Olbia

Tentato omicidio a Olbia, i carabinieri arrestano un 85enne

Tentato omicidio a Olbia, i carabinieri arrestano un 85enne

Mario Decandia si trova ai domiciliari. E' accusato di aver cercato di uccidere a fucilate un 63enne di Loiri Porto San Paolo che gli aveva negato di cacciare sui suoi terreni

09 marzo 2017
1 MINUTI DI LETTURA





OLBIA. Alle prime luci dell’alba del 9 marzo, i carabinieri del nucleo operativo e Radiomobile del reparto territoriale di Olbia, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari, hanno arrestato Mario Decandia, 85enne perchè considerato responsabile di tentato omicidio nei confronti di S.F.,  63enne, residente nel comune di Loiri Porto San Paolo.

Era la sera del 16 ottobre 2016, quando un uomo travisato aveva esploso un colpo di fucile sulla porta a vetri che si trova all'ingresso dell’abitazione di S.F., che all'interno della casa stava cenando. Solo fortuitamente la rosa di pallettoni è stata deviata dalla borchia metallica della serratura andando a impattare sulla parete interna della sala da pranzo, a breve distanza dalla vittima. Anche se in un primo momento sembrava si trattasse di un atto intimidatorio, nel ricostruire la dinamica dei fatti e la traiettoria della fucilata, nonché la posizione della potenziale vittima, è apparso chiaro che l’intento fosse di uccidere.

 Le indagini hanno permesso gradualmente di documentare e dimostrare l’infondatezza dell’alibi fornito dal sospettato che risultava invece aver avuto un diverbio con la vittima nella mattinata antecedente il tentato omicidio per dissidi legati al mondo dell’attività venatoria in quanto S.F. non gli aveva consentito il transito e la caccia nei terreni di sua proprietà. Al termine delle operazioni di rito, l’uomo è stato portato nella propria residenza in regime di arresti domiciliari.

 

 

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative