“Rally Terra sarda” da record; 20mila presenze e 71 equipaggi

ARZACHENA. Sport, cultura, promozione del territorio e campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale. L'ottava edizione del Rally Terra sarda passa agli archivi con numeri importanti. Come...

ARZACHENA. Sport, cultura, promozione del territorio e campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale. L'ottava edizione del Rally Terra sarda passa agli archivi con numeri importanti. Come da pronostico: 20mila presenze, con una ricaduta economica su tutto il territorio, 71 equipaggi iscritti, la macchina organizzativa con uno staff di 300 persone, 15 comuni partecipanti. E 150 studenti provenienti da vari centri della Gallura che hanno partecipato a una campagna ambientale, una delle iniziative collaterali del Rally. L'edizione 2019 – valida per la Coppa Rally di zona Aci sport e per il Sardegna Rally Cup –, organizzata dalla Porto Cervo Racing, si conferma un forte attrattore per equipaggi, addetti ai lavori e per le centinaia di appassionati della specialità, giunti da ogni parte dell'isola, dalla Penisola e dalla vicina Corsica. La Porto Cervo Racing ha festeggiato nel migliore dei modi i vent'anni di attività della scuderia. «È il diciottesimo rally che abbiamo organizzato – commenta il presidente Mauro Atzei –. Da un punto di vista sportivo è stata una bella gara, appassionante fino all'ultima speciale tra due equipaggi, oltretutto della nostra scuderia, due grandi campioni dentro e fuori l'abitacolo, come Vittorio Musselli che con Claudio Mele si sono aggiudicati la gara nell'ultima prova speciale e Maurizio Diomedi con Mauro Turati, secondi per pochi decimi». (w.b.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes