Per i siti archeologici a rischio c’è un piano da 600 mila euro

Interventi in quattro insediamenti: la cisterna e la fattoria romane, le mura e le officine puniche  Il Comune: «Stato di conservazione precario. Intervento tempestivo per evitare danni irreparabili»

WsStaticBoxes WsStaticBoxes