Defibrillatori in città, avanza il progetto “Olbia cardiosicura”

OLBIA. Al lavoro per una città sempre più cardiosicura. Medici, amministratori, esperti e volontari si sono ritrovati nella sala polifunzionale del Geovillage per discutere di un progetto avviato nei...

OLBIA. Al lavoro per una città sempre più cardiosicura. Medici, amministratori, esperti e volontari si sono ritrovati nella sala polifunzionale del Geovillage per discutere di un progetto avviato nei mesi scorsi e che sta pian piano cominciando a entrare nel vivo. Si tratta di «Olbia cardiosicura», il progetto promosso dall’amministrazione comunaledi Olbia e dall’Associazione ricreativa seconda e terza età con l’obiettivo di posizionare diversi defibrillatori in città, mappare e censire le apparecchiature e formare nuove figure in grado di utilizzarle.

All’incontro, organizzato in occasione della Giornata mondiale della rianimazione cardiopolmonare e moderato dal giornalista Mauro Orrù, per il Comune è intervenuta l’assessora ai Servizi sociali Simonetta Lai. Sono poi intervenuti Gianluca Sanna (ospedale San Giovanni di Dio) e Raffaele De Fazio (direzione 118 – Croce rossa italiana), che hanno parlato di sintomi, emergenza, competenze e formazione. Presente ai lavori anche Paolo Beretta della società Iredeem, che è il partner tecnico del progetto. Durante l’incontro è stato inoltre lanciato il concorso Cardioricerca ed è stato presentato il logo Targa del volontario. Il referente del progetto, per l’Associazione seconda e terza età, è invece Salvatore Gelsomino. (d.b)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes