Premio “Tomaso Panu” ecco i 9 alunni eccellenti

I nomi dei ragazzi (di medie e superiori) che riceveranno la borsa di studio Cerimonia in municipio il 22 gennaio. Ci sarà l’assessore Andrea Biancareddu

TEMPIO. Sono nove gli studenti delle scuole secondarie della città, di primo e secondo grado, che il prossimo 22 gennaio saranno premiati dal Comune con le borse di studio intitolate alla memoria di Tomaso Panu, l’intellettuale tempiese scomparso poco più di un anno fa. La cerimonia di consegna delle pergamene sarà fatta nel salone di rappresentanza del Comune (ore 16) con la sola presenza degli studenti premiati e delle rispettive famiglie, dei dirigenti scolastici e dei familiari di Tomaso Panu. Saranno accolti dal sindaco e dalla giunta. È certa anche la partecipazione dell’assessore regionale all’Istruzione Andrea Biancareddu, ex allievo, negli anni della sua formazione liceale al “Dettori”. Di Panu, suo docente di storia e filosofia. Le borse di studio, del valore ciascuna di 500 euro, sono stanziate con risorse comunali e rispondono a un’iniziativa dell’amministrazione tempiese promossa dall’assessore alla Pubblica Istruzione Monica Liguori. Questi i nomi degli studenti che saranno premiati venerdì 22 gennaio: Giovanni Pinducciu (III F Media “Grazia Deledda”), Elena Marras (5 AFM “Pes”), Gabriele Solinas (5 CAT “Pes”), Carlo Bottoni (5 ITI “Pes-Ferracciu”), Alice Giagoni (liceo “De André”), Gianni Bellu (5 A Classico “Dettori”), Ilyass El Ouahi (5 A Scientifico), Dora Pischedda (5 B Linguistico), Francesca Pani (5 B Scienze Umane). Nove studenti in rappresentanza di tutti gli indirizzi delle scuole secondarie di entrambi i gradi per una scelta che si è rivelata non facile. È molto probabile che non tutti gli studenti conoscano bene la figura di Tomaso Panu. La premiazione potrà essere allora l’occasione per saperne di più. Sapere, ad esempio, che Panu è stato per tanti anni un insegnante di filosofia e storia del “Dettori”, negli anni in cui il liceo era diretto dal professore Gesuino Forteleoni. Nelle scuole della Gallura sono tanti i docenti che hanno avuto come loro insegnante Tomaso Panu, poi diventato un inevitabile punto di riferimento nell’esercizio della professione. Il modello era quello di un insegnante sempre propenso all’ascolto, sostenitore del metodo dialogico, grande affabulatore. Chi non lo ha avuto come insegnante lo avrà visto all’opera nel ruolo di conferenziere o avrà letto uno dei libri con i quali ha arricchito la conoscenza del territorio. Tanti sono stati i temi di cui si è occupato: la storia di Tempio, la presenza degli padri Scolopi in Gallura, il movimento cattolico sardo, il gallurese. Politico impegnato, sindaco per quasi dieci anni, si è fatto apprezzare anche per la sua attività giornalistica. Da parte dell’assessore comunale alla Pubblica Istruzione Monica Liguori ci sarebbe in cantiere un’idea che potrebbe onorarne ulteriormente la memoria: far sì, con tempi e modalità da definire, che gli studenti premiati scrivano di loro pugno, e tutti insieme, una breve biografia intellettuale per wikipedia. Un atto lodevole e, in un certo senso, quasi dovuto.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes