Giallo a Porto Cervo: muore una industriale tedesca, la Procura di Tempio apre un'inchiesta

Sabina Illbruck, 61 anni, era membro del consiglio direttivo dello Yacht club. Dubbi sul referto che parla di arresto cardiaco: si fa l’ipotesi di un errore medico

OLBIA. La Procura di Tempio ha aperto un’inchiesta per accertare le cause della morte di Sabina Illbruck, 61 anni, membro del consiglio direttivo dello Yacht club Costa Smeralda, avvenuta domenica scorsa 13 giugno nella sua casa, nel prestigioso condominio “Il Sestante”, a Porto Cervo. Una morte improvvisa, non del tutto chiara, tanto da spingere il procuratore Gregorio Capasso a disporre l’autopsia sul corpo della donna – con conseguente annullamento del funerale già fissato per martedì scorso nella chiesa di Stella Maris – e ad aprire un fascicolo con ipotesi di reato omicidio colposo per colpa medica.

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

WsStaticBoxes WsStaticBoxes