La Nuova Sardegna

Olbia

Sanità

Febbre del Nilo, registrato un caso a Olbia

Febbre del Nilo, registrato un caso a Olbia

Domani intervento di disinfestazione vicino ai canali intorno all’arena in cui si svolgerà il Red Valley

10 agosto 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Olbia  Un caso di Febbre del Nilo a Olbia. A comunicarlo è stata la Asl Gallura a Comune e Provincia, che insieme hanno predisposto la disinfestazione di alcune aree. Domani l’intervento sarà realizzato in prossimità dei canali intorno all’arena dove si terrà il Red Valley festival.

«Nessun allarmismo, ma naturalmente è necessario potenziare la capacità della collettività e degli individui di ridurre i focolai di sviluppo larvale del vettore, ovvero delle zanzare – afferma il sindaco Settimo Nizzi - .È necessario inoltre adottare misure di prevenzione individuali, raccomandazione che vale specialmente per i soggetti a rischio più elevato di sviluppare la malattia, come gli anziani e le persone immunodepresse».

Nello specifico, è necessario che non siano abbandonati, negli spazi aperti pubblici e privati, oggetti e contenitori di qualsiasi natura e dimensione (copertoni, bottiglie, lattine, bidoni, barattoli, sottovasi, ecc.) nei quali possa raccogliersi acqua piovana stagnante; di procedere, in caso di contenitori o serbatoi non abbandonati, alla loro chiusura mediante coperchi o teli e, qualora non sia possibile, favorire il regolare ricambio di acqua o lo svuotamento settimanale; di tenere sgombri i cortili e le aree aperte da erbacce, da sterpi e rifiuti di ogni genere, e sistemarli in modo da evitare il ristagno delle acque meteoriche o di qualsiasi altra provenienza; di provvedere, in caso di attività di cantiere o in casi simili, alla sistemazione del suolo in modo da evitare raccolte di acque. È inoltre opportuno utilizzare insetticidi e repellenti cutanei e, all’aperto, indossare indumenti di colore chiaro che coprano la maggior parte del corpo.

In Primo Piano
Monta la protesta

Agricoltori e allevatori sardi si mobilitano: il 17 giugno comincia il “mese della collera” contro i danni della siccità

Le nostre iniziative