La Nuova Sardegna

Olbia

Tribunale

Golfo Aranci, donna aggredita con la fiocina: chiesto un risarcimento di 900mila euro

Golfo Aranci, donna aggredita con la fiocina: chiesto un risarcimento di 900mila euro

Imputato per tentato omicidio il vicino di casa. Sarà sottoposto a perizia psichiatrica

12 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Golfo Aranci Novecentomila euro di risarcimento per il danno biologico, patrimoniale, morale ed esistenziale subito. È quanto chiesto al gip del tribunale di Tempio Marco Contu da Petronela Codreanu, 43 anni, romena, residente da tempo a Golfo Aranci, rimasta gravemente ferita ad un occhio dalla fiocina del fucile subacqueo sparata dal suo vicino di casa, Pasquale Serra, 60 anni di Golfo Aranci. L’uomo è accusato di tentato omicidio.

Nell’udienza di oggi, 12 dicembre, Petronela Codreanu – presente in aula – si è costituita parte civile con l’avvocato Cristina Mela. La donna ha chiesto un maxi risarcimento per i danni subiti dall’aggressione: le gravi lesioni all’occhio le hanno provocato la quasi la cecità, con un’invalidità dell’85%.

Pasquale Serra, assistito dagli avvocati Pietro Carzedda e Antonia Mele, sarà processato, così come richiesto dai suoi difensori, con rito abbreviato condizionato a una perizia psichiatrica volta ad accertare se al momento del fatto fosse capace di intendere e di volere, e verificare se possa partecipare coscientemente al processo. Il 9 gennaio il giudice conferirà l’incarico al perito.

La sera del 2 giugno nelle case popolari di via Libertà, era scoppiata l’ennesima lite tra vicini di casa. Pasquale Serra era entrato nel suo appartamento, aveva aperto la bombola del gas lasciando il tubo fuori dalla porta. Il marito di Petronela, dirimpettaio nel pianerottolo, aveva tentato di entrare nella casa di Serra per impedire una possibile esplosione.

Era nata una violenta lite fino alla comparsa di un fucile da sub: Pasquale Serra, fuori controllo, aveva sparato contro il vicino mancandolo per un soffio, ma l’arpione aveva colpito in pieno viso Petronela che in quel momento stava dietro il marito. La fiocina si era conficcata sopra l’occhio destro. Serra ha sempre sostenuto di essere stato aggredito e di essersi solo difeso. (t.s.)

In Primo Piano
Politica

Sassari, il primo discorso di Giuseppe Mascia: «È venuto il momento della responsabilità: le priorità sono lavoro e salute»

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative