La Nuova Sardegna

Olbia

L’inchiesta

Bonus fantasma per l’edilizia, la finanza arresta tre persone a Olbia

Bonus fantasma per l’edilizia, la finanza arresta tre persone a Olbia

Blitz in città: finiscono ai domiciliari anche un geometra e l’amministratore di una società

10 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Olbia Gli ignari padroni di casa pagavano, ma delle pratiche per i bonus dell’edilizia neppure l’ombra. Una truffa, insomma. A questa conclusione è arrivata la guardia di finanza che ieri di buon’ora ha bussato alla porta di casa di tre olbiesi, uno dei quali geometra e l’altro amministratore di una società che opera nel settore. Giovanni Cambosu, libero professionista piuttosto noto in città, e Fabio Fraticelli sono stati arrestati e si trovano ora ai domiciliari. Nelle prossime ore dovranno spiegare un sacco di cose agli investigatori e al magistrato titolare dell’inchiesta che in questi mesi hanno raccolto documenti, testimonianze e riscontri che hanno tolto definitivamente il coperchio al pentolone dei bonus fantasma per l’edilizia.

Non si conoscono ancora i dettagli dell’operazione condotta dalla guardia di finanza – sul campo il gruppo di Olbia, agli ordini del capitano Carlo Lazzari, assieme ai colleghi del Comando provinciale di Sassari – ma è certo che le fiamme gialle da tempo erano “sul pezzo”. Nel senso che i militari erano da tempo sulle tracce di Cambosu, Fraticelli e della terza persona, che probabilmente – così almeno ritiene l’accusa – agivano in collaborazione. Da parte degli investigatori un lavoro certosino di raccolta e verifica di dati e documenti, che alla fine ha portato alla definizione di un preciso quadro accusatorio nei confronti dei tre indagati legati a vario titolo alla società che opera nel campo dell’edilizia. Resta da chiarire se l’operazione è conclusa così oppure se gli investigatori hanno scoperto per ora soltanto la classica punta dell’iceberg e l’inchiesta sui bonus fantasma per l’edilizia abbia mosso soltanto i primi passi.

La rabbia degli agricoltori

Il movimento dei trattori blocca il porto di Cagliari: «Basta con le prese in giro»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative