La Nuova Sardegna

Olbia

Carabinieri

Arzachena, Ris a casa di Michele Fresi il 27enne accusato di aver ucciso il padre a bastonate

di Tiziana Simula

	I tecnici del Ris in via Adua ad Arzachena<em> (foto Vanna Sanna)</em>
I tecnici del Ris in via Adua ad Arzachena (foto Vanna Sanna)

Rilievi tecnici disposti dalla Procura di Tempio nell’abitazione sotto sequestro del 28 dicembre 2023 giorno dell’omicidio

11 gennaio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Arzachena Sopralluogo dei carabinieri del Ris questa mattina 11 gennaio nell'abitazione di Michele Fresi, il 27enne di Arzachena accusato di aver ucciso a bastonate suo padre Giovanni, orefice di 58 anni. Gli uomini del reparto investigazioni scientifiche sono arrivati in via Adua intorno alle 11.30, con loro i carabinieri della stazione di Arzachena e i colleghi del reparto operativo di Olbia. L'abitazione era stata messa sotto sequestro subito dopo il fatto, avvenuto il 28 dicembre scorso.

Nel corso del sopralluogo, disposto dalla Procura di Tempio, il Ris andrà alla ricerca di elementi utili alla ricostruzione di quanto avvenuto quella notte: eventuali tracce ematiche, impronte e sostanze stupefacenti. Sul posto, il difensore di Michele Fresi, l'avvocato Pierfranco Tirotto

La rabbia degli agricoltori

Il movimento dei trattori blocca il porto di Cagliari: «Basta con le prese in giro»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative