La Nuova Sardegna

Olbia

Eccellenze

Vermentino, in Gallura nasce il Distretto agroalimentare di qualità

Vermentino, in Gallura nasce il Distretto agroalimentare di qualità

La costituzione a Monti, in prima fila il Consorzio di tutela. Tra i soci fondatori anche la Cna Gallura

29 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Olbia. Nei giorni scorsi, nella Cantina del Vermentino di Monti, in seguito a numerosi incontri di animazione territoriale organizzati e promossi in tutta la Gallura da Daniela Pinna, presidente del Consorzio di Tutela del Vermentino di Gallura Docg, capofila del comitato promotore, e da Graziella Benedetto, docente di Economia agraria e Marketing dei prodotti agroalimentari del Dipartimento di agraria dell’Università di Sassari, si è costituito il Distretto agroalimentare di qualità del Vermentino di Gallura Docg (Daq). Il secondo passo fondamentale sarà il riconoscimento della Regione, che potrà dare il via alla progettualità per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Tra i soci fondatori, e membri del consiglio direttivo, la Cna Gallura

«Tra gli obiettivi del Daq – si legge in una nota – la promozione e il sostegno dei prodotti e dell’economia locale, la creazione di valore economico nelle aree vitivinicole e il coinvolgimento della popolazione del territorio, garantire diritti e condizioni ai dipendenti della catena del valore, investire in mobilità sostenibile per il processo di distribuzione, promuovere produzioni sostenibili, biologiche, salutari e ridurre gli sprechi lungo il processo di lavorazione». Il progetto, inoltre, «vuole favorire lo sviluppo di forme di accoglienza per tutto l’anno attraverso l’organizzazione di percorsi enoturistici all’interno delle strutture aperte al pubblico e accessibili anche a chi ha difficoltà motorie».

L’impulso alla realizzazione del Distretto «nasce dalla convinzione che la creazione e il rafforzamento delle reti di relazione tra attori locali che a vario titolo ruotano attorno alla produzione del vino, possa fungere da attivatore sociale che facilita la creazione di valore come elemento fondante dello sviluppo e crescita dell’economia locale. Il vino rappresenta a livello internazionale una delle maggiori attrazioni che muovono imponenti flussi turistici legati al cibo».

Grande l’impegno delle cantine produttrici di Vermentino di Gallura Docg che per prime hanno aderito al progetto di costituzione del Daq, con l’assistenza tecnica dell’agenzia Laore. «Ci auguriamo – si legge ancora nella nota - che molte altre aderiscano a questa importante iniziativa, considerato che nel territorio ricompreso nei 29 Comuni galluresi ne esistono più di 300 con potenzialità attrattive senza eguali».

«Crediamo fortemente che la nascita del Distretto agroalimentare di qualità – sottolinea Giovanni Pasella, presidente di Cna Gallura – rappresenti una ulteriore testimonianza del dinamismo imprenditoriale del nord Sardegna, capace di aggregare intorno ad uno dei suoi prodotti più identitari un nutrito gruppo di aziende con forte potenziale di crescita. Sono indubbie le capacità di attrazione del nostro vitigno principe, come dimostrato da eventi come Benvenuto Vermentino, in cui l'artigianato artistico fa da degna cornice ad un evento che sta diventando un punto fisso del panorama degli eventi galluresi. Un ringraziamento particolare va al lavoro di aggregazione e facilitazione che Il Consorzio di tutela del Vermentino di Gallura Docg, nella persona della presidente Daniela Pinna, ha svolto durante tutto il periodo di gestazione di questo primo importante obiettivo».

In Primo Piano
Verso il voto

Gianfranco Ganau: sosterrò la candidatura di Giuseppe Mascia a sindaco di Sassari

Le nostre iniziative