La Nuova Sardegna

Olbia

Tradizioni

Olbia, al via la storica festa di San Vittore

Olbia, al via la storica festa di San Vittore

L’appuntamento più atteso è la Sagra della pecora in cappotto in programma domenica 5 maggio

03 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Olbia. È la prima delle grandi sagre di primavera ed è anche una delle più sentite dagli olbiesi. San Vittore, Santu Ittaru, si celebra oggi venerdì 3 maggio, domani 4 e domenica 5 nell’omonima chiesa campestre ai piedi del Monte Plebi. Un appuntamento che richiama moltissimi fedeli da tutta la Gallura. Il comitato dei festeggiamenti, guidato dal presidente Pietro Idili, ha definito il programma della tre giorni.

Si comincia oggi, alle 16,30, con il tradizionale raduno delle bandiere nell’abitazione del capo socio Franca Derosas, in via Bolzano, quindi la celebrazione della prima messa alle 18 e successivamente alle 19 un rinfresco offerto dal comitato. Domani la prima messa del giorno alle 18, alle 19 ,30 la tradizionale merenda a base di trippa, quindi dalle 21 una serata di intrattenimento in compagnia del gruppo musicale Il Volo. Domenica sarà giornata più importante della festa: alle 11 a San Vittore la celebrazione solenne della messa officiata dai frati cappuccini con la partecipazione del coro di Loiri, alle 12 la processione in onore del santo accompagnata dal gruppo folcloristico di Olbia e dal coro di Loiri. Al termine un rinfresco con dolci e bibite offerto dal comitato dei festeggiamenti. Alle 13,30 il piatto forte (è proprio il caso di dire) della festa, cioè la Sagra della pecora in cappotto con pranzo a base di carne, offerto dagli allevatori della zona, da consumare nelle tavolate all’ombra degli alberi nel sagrato. Nel pomeriggio, alle 16, c’è la Sagra dell’anguria offerta dal comitato organizzatore. Quindi il gran finale della festa, a partire dalle 19, con la serata di ballo liscio, latino americano e balli di gruppo in compagnia del fisarmonicista Gavino Maricca e con la partecipazione dell’organettista Luca Costantini.

In Primo Piano
Emergenza

Siccità, nuove restrizioni. Ambrogio Guiso: «Un massacro per le campagne»

di Salvatore Santoni
Le nostre iniziative