La Nuova Sardegna

Olbia

L’operazione

Olbia, lavoratore in nero in un pub: multa di 6mila euro e attività chiusa

Olbia, lavoratore in nero in un pub: multa di 6mila euro e attività chiusa

I controlli straordinari dei carabinieri in vista dell’estate: «Nessuno alla guida in stato di ebbrezza, situazione positiva»

01 giugno 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Olbia. I carabinieri del Reparto territoriale di Olbia, nella serata di ieri, venerdì 31 maggio, hanno messo in campo una attività di controllo straordinario nei territori comunali di Olbia e Golfo Aranci, «finalizzato – si legge in una nota – alla prevenzione e repressione di condotte delinquenziali e devianti, oltre che alla tutela dei numerosi cittadini residenti e turisti che, sempre di più, stanno frequentando le strade e i locali pubblici della movida olbiese e della Costa Smeralda».

«Numerosi sono stati i controlli di persone e mezzi – prosegue la nota -, durante i quali sono stati verificati i documenti di identità e di guida, oltre alla verifica di eventuali conducenti sotto l’effetto dell’alcol o di sostanza stupefacente. Fortunatamente i controlli hanno restituito una situazione positiva, in quanto nessuno è stato trovato al volante in stato di ebbrezza alcolica o sotto l’effetto di droghe».

I carabinieri si sono concentrati anche sugli esercizi commerciali. Durante il controllo, i militari del Nucleo carabinieri ispettorato del lavoro di Sassari hanno accertato in un pub «la presenza di un lavoratore in nero. L’irregolarità è costata al proprietario una sanzione amministrativa di più di 6mila euro e la chiusura temporanea dell’attività».

I controlli dei carabinieri proseguiranno fino a settembre su più fronti con l’obiettivo di garantire una estate sicura ai residenti e ai turisti, lungo la fascia costiera che va dal nord dell’isola fino a Porto San Paolo. L’attività ha visto l’identificazione di circa 150 persone, 30 autovetture, il controllo di 5 esercizi commerciali e l’impiego di circa 30 militari in uniforme e in borghese.

In Primo Piano
L’addio

Arzachena, in centinaia per l’ultimo saluto a Ivan Dettori

Le nostre iniziative