La Nuova Sardegna

Nuoro

Federcori fonda l'accademia

di Valeria Gianoglio
Federcori fonda l'accademia

Nuoro, dopo lo stop legato al Covid l'associazione riparte con 70 gruppi e un nuovo direttivo

24 gennaio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Nuoro Settanta gruppi in tutta l’isola, una trentina dei quali solo nel Nuorese, un media di quindici componenti ciascuno, per un totale di circa mille persone, un direttivo appena ricostituito nel quale, a cominciare dal presidente e dalla vice, i vertici sono tutti made in Barbagia, e un finanziamento appena conquistato: trentamila euro dall’Unione dei Comuni per far decollare una piccola accademia musicale per i giovani. È un piccolo esercito di ugole d’oro, quello che in questi giorni, dopo due anni di stop forzato legato alla pandemia e alle sue restrizioni, si ritrova insieme per far ripartire il percorso della Federcori Sardegna: l’associazione che da tempo segue le formazioni corali fornendo loro assistenza amministrativa, assicurativa, tecnica, e organizzando anche corsi e masterclass.

La Federcori riparte, dunque, e lo fa con un direttivo nuovo di zecca che ha radici ben salde nel cuore dell’isola: con Tonino Ladu come presidente, Bonaria Monne, nel ruolo di vice, Rimedia Sanna, tesoriera e segretaria, Giulia Piras e Fausto Congiu come componenti, e Leonardo Moro nel ruolo di addetto alla comunicazione. «Ripartiamo – spiega il neo presidente Tonino Ladu – nella consapevolezza che si può far bene e contribuire a far crescere il mondo della coralità in tutto il territorio regionale, partendo dai settanta cori di cui una quindicina parrocchiali, diffusi in tutta la Sardegna e che rappresentano il forte radicamento della Federazione Chorus Inside Sardegna».

Tra gli aderenti all’associazioni ci sono sia cori polifonici, di ispirazione popolare, ma anche gospel. Si riuniscono almeno due volte alla settimana per preparare canti e concerti. E molti partecipano a rassegne, festival e concerti nei vari periodi dell’anno. «Dopo gli anni bui della pandemia, tutti hanno ripreso l’attività ordinaria – spiega ancora il presidente Ladu – centinaia di coriste e coristi seguono il loro programma guidati da eccellenti direttori di coro e costituiscono un patrimonio associativo inestimabile della cultura della Sardegna. La federazione accoglie i propri associati e garantisce una continua e puntuale assistenza amministrativa, assicurativa e tecnica, anche grazie alla commissione artistica, con l’organizzazione di master class, corsi musicali, focus su materie specifiche del settore». Nei prossimi mesi la federcori sarda si ritroverà in assemblea con tutti i cori affiliati, e in quella occasione interverrà anche il presidente nazionale Davide Recchia. Il direttivo della Federazione sarda è impegnato nella programmazione (numeri segreteria 3402445107, 3290533117) per il 2023.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

In Primo Piano
La polemica

Pro vita e aborto, nell’isola è allarme per le nuove norme

di Andrea Sin
Le nostre iniziative