La Nuova Sardegna

Oristano

tabagismo

La Lilt si mobilita nella campagna contro il fumo

ORISTANO. Sabato i volontari della Lilt oristanese saranno a disposizione le presso la propria sede per promuovere la Giornata Mondiale Senza Tabacco. «La Lilt – dice la presidente provinciale...

29 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





ORISTANO. Sabato i volontari della Lilt oristanese saranno a disposizione le presso la propria sede per promuovere la Giornata Mondiale Senza Tabacco.

«La Lilt – dice la presidente provinciale Eralda Licheri – promuove anche quest'anno la "Giornata Mondiale senza tabacco", istituita nel 1987 dall' Organizzazione Mondiale della Sanità, con l'intento di proteggere le generazioni presenti e future non solo dalle conseguenze devastanti per la salute, ma anche dalle piaghe sociali, ambientali ed economiche derivanti dal consumo e dall'esposizione al fumo di tabacco».

La Lilt sabato sarà dunque impegnata nella campagna "Aspirare alla Vita" attraverso la distribuzione di materiale informativo presso la sede di Via Dorando Pietri 9/b ad Oristano dalle 9 a mezzogiorno e tramite la promozione sul web.

«Con questa iniziativa – spiega ancora Eralda Licheri – intende incoraggiare le persone a non fumare almeno per un giorno ed eventualmente a intraprendere percorsi di disassuefazione dal tabagismo promossi dalla stessa Sezione provinciale».

«Aspirare alla Vita, un'azione volta a sensibilizzare l'opinione pubblica sugli effetti negativi derivanti dal consumo del tabacco sulla salute umana, significa anche decidere di volersi bene e rispettare la propria e l'altrui vita senza continuare a farsi del male consumando tabacco. Aspirare è un termine che appartiene al mondo dei fumatori, abituati ad aspirare sostanze nocive per loro e per chi li circonda, ma significa anche "tendere a qualcosa, ambire". E questa campagna nazionale mette in evidenza proprio il valore della vita e di come sia importate ambire ad una vita sana, rispettosa e corretta».

In Primo Piano
Il soccorso

Giovane amazzone cade da cavallo alla processione di Beata Maria Gabriella a Nuoro: è grave

Le nostre iniziative