La Nuova Sardegna

Oristano

Cantieri comunali in ritardo, attesa per 46 lavoratori

di Ivana Fulghesu
Cantieri comunali in ritardo, attesa per 46 lavoratori

A Laconi questioni burocratiche ne hanno impedito l’avvio Il sindaco: il Comune sta provando a rimuovere gli ostacoli

26 luglio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





LACONI. Ancora ritardi nell’avvio dei cantieri comunali. Trascorrono i mesi e, per chi si trova senza un’occupazione, sono ulteriori giorni di angoscia nell’attesa che si dia avvio ai cantieri, unica risorsa in grado di dare speranza ai disoccupati e alle loro famiglie.

Nonostante le sollecitazioni degli interessati e il sostegno del gruppo consiliare “Obiettivo Laconi”, che periodicamente chiede conto agli uffici comunali dell’ incredibile ritardo, sembra che la burocrazia sia sempre l’ostacolo principale. «La burocrazie genera ritardi fastidiosi e a volte persino incomprensibili», dice il sindaco Paolo Pisu che, però, rassicura: «Nonostante le difficoltà, il Comune sta lavorando affinché i cantieri possano essere avviati quanto prima».

Sono in programma tre cantieri che complessivamente dovrebbero garantire occupazione a 46 persone. Il primo, “Interventi nelle aree archeologiche e presso gli immobili comunali” ha la finalità di pulire e rendere fruibili le aree archeologiche in località Cirquittus e Corte Noa. L’importo è di 90mila euro e dovrebbe garantire l’impiego di 10 persone tra le quali un archeologo e un architetto.

Si attende l’avvio anche di “Cantiere verde”, finanziato per 286mila euro, dei quali 26 mila euro di cofinanziamento comunale. «Sembrava in procinto di partire prima degli altri – dice Pisu – invece i tempi necessari per la progettazione, affidata ai tecnici dell’ Ente foreste della Sardegna e l’ottenimento dei pareri regionali stabiliti dalla legge, hanno determinato uno slittamento dei tempi previsti. Dopo le proteste dei comuni e dell’Anci, si sono chiarite le modalità di assunzione del personale e ciò consentirà di rimodulare il progetto per incrementare il numero di occupati di 6 unità; potranno così essere assunte 36 persone a fronte delle 30 previste».

Nei prossimi giorni, infine, gli uffici comunali provvederanno alla pubblicazione del bando per l’acquisizione delle domande di partecipazione per il cantiere “Povertà estreme” dell’importo di 49mila euro.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Incidente stradale

Sassari, pedone investito da un autocarro in via Bogino

Le nostre iniziative