Oristano, coste a rischio tra crolli ed erosione

Un tratto della scogliera di S'Arena Scoada a rischio crollo (foto Pinna)

Negli ultimi anni il mare che avanza ha cancellato numerose calette e ridotto le dimensioni di tante spiagge

ORISTANO. Mare Morto, San Giovanni di Sinis, S’Arena Scoada, Su Pallosu, S’Archittu, Su Riu. Sembra la mappa della grande bellezza della costa oristanese, potrebbero invece essere gli avamposti di una battaglia da cominciare quanto prima.

Nonostante il fenomeno dell’erosione costiera non abbia sinora suscitato gli allarmi degli studiosi che tengono sotto controllo la situazione, l’osservazione a occhio nudo ci parla di una natura che forse sta mandando dei segnali che dovrebbero essere interpretati come campanelli d’allarme.

Negli ultimissimi anni si sta infatti verificando un fenomeno a cui in passato non si era abituati. Da sud a nord del territorio le spiagge si sono ridotte di dimensioni e alcune delle scogliere più suggestive perdono pezzi.

Articolo completo e altri servizi nel giornale in edicola e nella sua versione digitale

WsStaticBoxes WsStaticBoxes