Anziana rapinata, l’indagato dà la colpa alla tossicodipendenza

CABRAS. Un motivo c’è ed è la droga. La spiegazione che Daniele Tratzi ha dato al giudice per le indagini preliminari durante l’interrogatorio di garanzia è stata proprio questa: la rapina ai danni...

CABRAS. Un motivo c’è ed è la droga. La spiegazione che Daniele Tratzi ha dato al giudice per le indagini preliminari durante l’interrogatorio di garanzia è stata proprio questa: la rapina ai danni di un’anziana 79enne commessa sabato scorso all’uscita da un market è legata proprio alla sua dipendenza dalle sostanze stupefacenti. È la causa che l’ha portato a compiere il gesto per cui, a parte la breve parentesi di una notte, è in carcere da una settimana.

Con le dichiarazioni spontanee dell’indagato si è concluso anche l’interrogatorio di garanzia di fronte alla giudice per le indagini preliminari Federica Fulgheri che ora dovrà decidere se concedere una misura alternativa o lasciare Daniele Tratzi in carcere. Questi ha detto di essere intenzionato ad avviare un percorso di disintossicazione così da evitare in futuro la ripetizione di reati come quello di sabato scorso.

A fermarlo erano stati poi i carabinieri che avevano avuto il riscontro positivo dalle telecamere di videosorveglianza del market in cui si vedevano distintamente il volto del rapinatore e il suo abbigliamento. Daniele Tratzi si era scagliato contro l’anziana colpendola con una ginocchiata nel momento in cui aveva tentato di evitare la rapina.

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes