CARNEVALE»LA GIOSTRA DEI FALEGNAMI

ORISTANO. Quella che si annuncia per oggi sarà la Sartiglia di San Giuseppe più silenziosa della storia.Niente cavalli lanciati al galoppo, niente folla e nessun Componidori a benedirla. Giornata...

ORISTANO. Quella che si annuncia per oggi sarà la Sartiglia di San Giuseppe più silenziosa della storia.

Niente cavalli lanciati al galoppo, niente folla e nessun Componidori a benedirla. Giornata fotocopia di quella vissuta domenica, resa ancor più malinconica dalla scelta di rinunciare al bando, che comunque due giorni fa c’è stato.

Oggi, gli altoparlanti non diffonderanno la voce di Sandro Piras che domenica ha annunciato al popolo la discesa dei cavalieri. Nessun rullo di tamburi e nemmeno squilli di trombe per la corsa alla stella che, come tutti si augurano è pronta a ripartire già nel 2022.

Ieri, anche la Sartigliedda, quella che i bambini corrono sui cavallini della Giara, non c’è stata. Cancellata come tutte le manifestazioni pubbliche, compresa la battaglia dei coriandoli che come tradizione consolidata, chiudeva la manifestazione. «Sarà una Sartiglia comunque raccontata», annuncia Gianni Ledda, direttore di Super Tv, l’emittente che assieme a Sardegna 2/EjaTv, in collaborazione con la Fondazione Sa Sartiglia, ospiteranno dirette di talk show, trasmesse in contemporanea anche sul sito www.sartiglia.info e su Facebook nella fan page Sartiglia e in quelle di Ejatv e di Sardegna eventi 24. A partire dalle 6 e 28 minuti del mattino, fino alle 21 e forse anche oltre, come per la Sartiglia di domenica, si potrà seguire una vera maratona streaming per raccontare la Sartiglia che non c’è stata, la Sartiglia del passato e la Sartiglia che sarà.

«Ovviamente – spiega Gianni Ledda – la trasmissione sarà interamente dedicata al Gremio dei Falegnami, organizzatore della Sartiglia del martedì». Tanti ospiti parteciperanno a “Sartiglia, emozione senza tempo”, com’è stato intitolato l’evento che proporrà anche documentari delle precedenti edizioni della manifestazione. «Ci saranno sicuramente il majorale en cabo del Gremio, Antonello Addari, e il Componidori, Giuseppe Sedda, assieme ad Attilio Balduzzi e Livio Urru, rispettivamente segundu e terzu», anticipa Ledda. La loro è la pariglia che guiderà un’edizione della Sartiglia a suo modo storica.

Tra gli ospiti anche le tre amazzoni che nelle precedenti edizioni avevano vestito i panni del Componidori: Elisabetta Sechi, capo corsa del 2010; Valentina Uda, che nel 2013 guidò una sfortunata edizione della corsa, disturbata dalla pioggia torrenziale che in quei giorni cadde copiosa sulla città ed Emanuela Colombino, Componidori nel 2014. «Rispetto al Gremio dei Contadini, che soltanto una volta, nel 1973, affidò per la prima volta nella storia della Sartiglia, la guida della corsa all’indimenticabile Annadina Cozzoli, purtroppo scomparsa nel 2018 – spiega ancora Ledda – il Gremio di San Giuseppe più volte con successo ha puntato sulla capacità delle donne».

Amazzoni e non solo, in una trasmissione che oltre alla ricostruzione storica della corsa medievale, dovrà parlare anche del presente, ossia della Sartiglia cancellata dalla pandemia e delle prossime edizioni «di una manifestazione – conclude Ledda – destinata a continuare con l’immutato fascino che la contraddistingue».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes