Allai, occhi al cielo per promuovere un nuovo turismo

ALLAI. Su la testa e occhi verso il cielo. Allai si prepara a ottenere la certificazione di Destinazione Turistica Starlight con i suoi progetti per valorizzare un nuovo tipo di turismo. Il paese è...

ALLAI. Su la testa e occhi verso il cielo. Allai si prepara a ottenere la certificazione di Destinazione Turistica Starlight con i suoi progetti per valorizzare un nuovo tipo di turismo. Il paese è pronto per un’estate stellare, dalla firma negli scorsi giorni della dichiarazione di La Palma in “Difesa del cielo notturno e del diritto di osservare le stelle” ai vari eventi previsti, primo fra tutti “Sotto lo stesso cielo: storie da ascoltare e osservare” in programma domani. Informazioni e prenotazioni le si trova sull’omonimo evento su Facebook, ma l’attenzione è puntata sull’idea innovativa. «È nata dalla voglia di volgere lo sguardo a un nuovo tipo di turismo – spiega Maria Lombardi, addetta museale del Civico Museo di Allai –. Il 70 per cento degli italiani non vede il cielo notturno e sono tanti i turisti che vengono in Sardegna per osservare nel nostro cielo determinati fenomeni. Da qui siamo partiti per portare avanti il nostro progetto per la salvaguardia del cielo stellato, che vorrebbe portare all’ottenimento della Certificazione di Destinazione Turistica Starlight, un riconoscimento internazionale che rappresenterebbe un punto di partenza per lo sviluppo di numerose iniziative. Sono già state attivate alcune importanti collaborazioni, oltre all’Osservatorio di Tenerife che promuove e monitora le attività per la certificazione, il nostro comune è rappresentato nella rete Astroturismo Sardegna con il Planetario di Cagliari. Il museo amplierà la sua offerta di percorsi sul territorio, con visite in notturna, laboratori. Anche la pluridecennale Estate allaese, curata dal Teatro del Segno, vedrà alcuni dei suoi appuntamenti dedicati al tema astronomico. Pochi giorni fa è stata adottata la Dichiarazione in Difesa del Cielo, primo atto formale nell’iter di certificazione. Un documento simbolico, sostenuto da un importantissimo e molto lungo elenco di soggetti, dall’Unesco alle maggiori Università, dalla Commissione Europea all’Organizzazione Mondiale per il Turismo».

Tutte le iniziative e le collaborazioni verranno illustrate nell'evento di domani 20 giugno a partire dalle 17, in occasione del Festival del solstizio d’estate organizzato in collaborazione con la rete Astroturismo Sardegna. Il progetto è agli inizi, ma intende valorizzare il lavoro di anni sempre attento all’ambiente e volto alla sostenibilità», conclude Maria Lombardi.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes