Ritornano gli stand e anche le emozioni del palio

Sedilo. Segnali di ripresa economica e sociale da Zenias de atonzu che ha contato 40 espositori

SEDILO. Sono arrivati piccoli segnali di ripresa dall’ultima edizione di Zenias de atonzu, tenutasi nel fine settimana dopo un anno di stop dovuto all’emergenza covid. L’appuntamento autunnale ha avuto un buon riscontro di pubblico e ha registrato una significativa partecipazione dei produttori del settore agroalimentare, di artigiani e di hobbisti. Più di quaranta sono stati gli espositori e le attività commerciali che hanno aderito all’evento promosso dal Comune in tandem con le associazioni.

A fare da traino alla fiera sono state le iniziative collaterali, in particolare il palio del Guilcier e Ichnos. Al concerto si sono esibiti alcuni degli artisti storici della kermesse che fonde musica, temi sociali e solidarietà. Nato da un’idea di Leonardo Marras e Giacomo Curreli, Ichnos è diventato, in anni recenti, patrimonio e marchio dell’omonima fondazione di cui fa parte anche il Comune.

Non avendolo potuto fare in occasione del centenario del Cagliari a causa della pandemia, il partenariato ha voluto accostare l’edizione della rinascita al nome di Gigi Riva, al quale ieri è stato conferito il Premio della solidarietà Ichnos 2021. È stato il figlio Nicola a ritirarlo. «Ci è sembrato doveroso dare il riconoscimento a Gigi Riva; ha fatto molto per il popolo sardo e ha rappresentato l’isola in tutto il mondo», ha dichiarato il sindaco Salvatore Pes.

Poco prima della cerimonia sono stati premiati anche i vincitori del palio corso in mattinata. I fantini hanno ricevuto i trofei dalle mani del velista Andrea Mura, padrino della manifestazione equestre. Alla competizione hanno partecipato sette binomi e scuderie in rappresentanza dei Comuni di Sedilo, Ghilarza, Aidomaggiore, Nulvi, Noragugume, Chilivani e Alghero. Si è imposto il portacolori di Nulvi, Federico Guglielmi, che ha montato Zamura della scuderia Fabrizio di Piazza. Secondo Pasquale Salis in sella a Bella chi su sole della scuderia di Giuseppe Ladu in gara per il Comune di Ghilarza; terzo il fantino schierato dalla città di Alghero, Luciano Mannu, in sella ad Artigiano, dell’allevamento Mannu.

Soddisfatti gli organizzatori, nonostante il numero limitato di rappresentative. «Il palio si è svolto in una cornice di pubblico più numerosa delle altre volte», ha commentato il primo cittadino Salvatore Pes, compiaciuto anche dell’andamento della fiera, nata per favorire un ritorno economico per le attività produttive: «È stata forse l’edizione di Zenias più bella in assoluto, perché dopo un anno e mezzo di blocco ha dato un segnale di speranza alla comunità di Sedilo, ma non solo, dal momento che abbiamo riscontrato la partecipazione attiva dei Comuni della zona e anche molte presenze esterne tra i visitatori».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes